Inzaghi: “Il rinnovo si farà. E l’incontro con Lotito…”

ROMA – Riparte il campionato, la Lazio ospita lo Spezia all’Olimpico per continuare la scalata verso la Champions League. Altro match da non sbagliare. E l’importante sarà subito riattaccare la spina dopo la sosta per le nazionali. In conferenza stampa, il tecnico Simone Inzaghi ha parlato del momento e non solo: “Sono contento per Radu, recordman di presenze, se lo merita. È un ragazzo che in tutti questi anni, prima da compagno e poi da allenatore, si è dedicato tanto e impegnato nella sua professione. Contento del record. Il contratto? Con Lotito ci vedremo tra poco, anche ieri, in un momento doloroso, ci siamo visti e uniti insieme alla famiglia di Daniel. Per il mondo Lazio è stata una giornata triste, sono tornato indietro di 9 anni con l’incidente di Fersini. Sul futuro nessun problema, con il presidente ci vedremo per capire il da farsi”.

Inzaghi e la Lazio: come sta la squadra

“Abbiamo lasciato prima della sosta due vittorie importanti e non semplici. L’Udinese, nel girone di ritorno, va forte e noi abbiamo fatto una gara ottima. Adesso diamo continuità, bisogna riattaccare la spina al meglio con tutti. Andare in nazionale è un grande orgoglio. Chi è rimasto, chi è tornato, spero di ritrovarli come li avevo lasciati. Luis Alberto e Immobile? Luis ha avuto una distorsione importante, sicuramente non ci sarà con lo Spezia. Ci sono speranze, dovrà lavorare di giorno in giorno. Ha un versamento già venuto fuori sulla caviglia. Ciro l’ho visto ieri dieci minuti. Ha giocato 90’ su un campo sintetico, ci parlerò. Per ora è prematuro fare delle scelte, mi sembrava comunque in discrete condizioni”.

La corsa Champions e l’amore per la Lazio

“Siamo nel gruppo delle cinque che si giocano l’Europa. Noi e l’Atalanta abbiamo fatto qualcosa di importante, mancano 11 partite, ci sono 33 punti. La questione è lunga: le altre sono attrezzate, ma noi faremo il massimo per rimanere nell’Europa che conta. Sono contento di quello fatto e spero di andare avanti altri anni. Lotito lo sa, la Lazio è al primo posto per me. Normale, come in tutte le famiglie, bisognerà sedersi e parlare. Anche per il presidente sono la sua prima scelta: penso che questo matrimonio possa continuare nel migliore dei modi senza se e senza ma. Il Sassuolo? Non giudico gli altri, guardo in casa mia. Pereira è un ragazzo che lavora molto bene ogni giorno, domani può essere una opzione per noi. Sono contento di lui. Può fare la mezz’ala e la seconda punta. Certo, ci sono Luis, Milinkovic e gli attaccanti. Per quello che mostra avrebbe meritato più spazio”.

Lazio, lacrime e commozione ai funerali di Guerini

Guarda la gallery

Lazio, lacrime e commozione ai funerali di Guerini

Precedente Inter, Conte: "Covid nel calcio? Si poteva fare meglio" Successivo Processo Astori, il pm ha chiesto un anno e 6 mesi per l'ex medico della Fiorentina Galanti

Lascia un commento