Inter, top e flop: Dzeko ispirato, Lukaku reattivo, Dumfries frenato

Al Mapei aveva cambiato completamente la gara di campionato un mese e mezzo fa, pareggiando e ispirando una rimonta faticosa, mentre stavolta col Sassuolo gli basta mettere un piedino sinistro per decidere la prova generale pre-Napoli. Starà pure tornando Lautaro, che con una Coppa del Mondo in mano reclama un posto davanti già il 4 gennaio, ma Edin è stato il grande protagonista di tutto il ritiro invernale e per questo bussa con prepotenza alla porta di Simone. Per la seconda volta di fila ha dimostrato di poter trovare il giusto incastro anche con un centravantone della sua taglia come Lukaku: non serviva un’amichevole per confermarlo, ma il bosniaco sa come migliorare tutti i compagni del reparto, senza mai tradire davanti alla porta.

Precedente Il mondo del calcio piange Pelè: O Rei scomparso a 82 anni, ma la sua leggenda resterà eterna Successivo Brunori fa impazzire Palermo: superato Cavani, ora si punta Toni

Lascia un commento