Inter, tifosi da record per l’ottavo anno consecutivo. Corsa agli ultimi abbonamenti liberi

Da sabato, in casa nerazzurra, sarà disponibile la vendita dei pass stagionali per chi si è iscritto nella lista d’attesa nel 2019, ultima volta che la campagna abbonamenti è stata lanciata prima delle riduzioni delle capienze a causa della pandemia

Si è chiusa la seconda stagione di Serie A senza abbonati in casa Inter, ma il dominio nerazzurro non si è fermato: per l’ottavo anno consecutivo il club di Viale della Liberazione vanta il maggior seguito di tutto il campionato. Un pieno sostegno della tifoseria che ha spinto il club a sfiorare il tripletino con Simone Inzaghi in panchina e che ora sta avendo evidenti conferme con la campagna abbonamenti per la stagione 2022-2023.

Un tifo da record

—  

Con un comunicato ufficiale, infatti, l’Inter ha ribadito con orgoglio i numeri stratosferici dell’anno nerazzurro in quanto a séguito allo stadio Giuseppe Meazza. Il dato è impressionante, sopra al milione: 1.128.377 le presenze totali a San Siro, considerando tutte e 27 le partite stagionali nelle varie competizioni. Per quanto riguarda la Serie A, il primato nerazzurro si è imposto sia a livello di spettatori totali (854.983) che in quanto a media per match (44.999). Si è tenuta al Meazza anche la partita di campionato con più tifosi in tutto l’anno: Inter-Roma del 23 aprile 2022, con ben 74.947 posti occupati. Un vero trionfo su più fronti.

La corsa al posto

—  

Il mese di giugno, peraltro, è quello dedicato alla campagna abbonamenti per la prossima stagione. Fino allo scorso lunedì c’è stato tempo per la conferma del posto per gli abbonati della stagione 2019-2020 (l’ultima prima dello stop), poi due giorni dedicati al cambio di seggiolino nello stesso settore e ora, fino a lunedì, si può cambiare settore. Da sabato si aprono anche i cancelli – metaforicamente – per coloro che tre anni fa si erano iscritti alla waiting list: saranno loro i primi a poter entrare nella cerchia degli abbonati occupando le tessere di chi ha deciso di non rinnovare, anche come premio per aver sfiorato l’abbonamento nel 2019-2020. Il primo obiettivo è registrare il nono anno consecutivo da pubblico più generoso d’Italia, il secondo è farlo in una stagione che sia la più vincente possibile

Precedente Il caso Cerchione non preoccupa Elliott: nessun blocco alla vendita del Milan Successivo Dybala con Ronaldinho e Vinicius Junior: che tris d'assi a Miami!

Lascia un commento