Inter, stavolta la sosta non spaventa. Rientri comodi per i 14 nazionali prima del Napoli

Inzaghi ritroverà tutti i suoi big in tempo utile per preparare la sfida contro la capolista. I primi a tornare saranno Brozovic, Perisic e Skriniar. Ultimi i sudamericani, a Milano quattro giorni prima del big match

Niente corse contro il tempo, né tantomeno soluzioni creative e dispendiose. I grattacapi causati in casa nerazzurra dalla precedente sosta per le nazionali, con l’Inter costretta a organizzare costosi voli charter sul filo del rasoio, non si ripresenteranno. Questa volta Inzaghi avrà a disposizione il gruppo al completo con un buon margine di tempo prima della sfida d’alta classifica contro il Napoli in programma domenica 21 novembre alle ore 18. Con il rientro dei cinque sudamericani previsto per mercoledì 17, il tecnico nerazzurro potrà lavorare a ranghi completi a partire dalla mattina successiva. I restanti nove convocati in giro per l’Europa rientreranno alla spicciolata a partire da lunedì 15.

IL PROGRAMMA

—  

Due impegni da sostenere per tutti a differenza della precedente sosta, quando i sudamericani furono sottoposti a uno sfiancante tour de force con tre sfide racchiuse nell’arco di una settimana e conseguenti rientri fuori tempo massimo per la partita di campionato a Roma contro la Lazio. I primi a rientrare ad Appiano saranno Brozovic, Perisic e Skriniar, che concluderanno i rispettivi impegni domenica 14 novembre per rimettersi agli ordini di Inzaghi a partire dal giorno successivo. Martedì 16 toccherà agli azzurri Barella e Bastoni, di ritorno dalle decisive sfide di qualificazione mondiale contro Svizzera e Irlanda del Nord, mentre mercoledì 17 sarà la volta di Calhanoglu, Dzeko (da monitorare dopo il risentimento accusato nel derby), De Vrij e Dumfries. I cinque sudamericani (Lautaro, Correa, Sanchez, Vidal e Vecino) completeranno il gruppo giovedì 18, con rientro previsto per tutti tra il pomeriggio e la tarda serata di mercoledì. Inzaghi avrà dunque a disposizione l’intera truppa per tre giorni interi di allenamenti prima di ricevere il Napoli a San Siro. Non il massimo, considerata l’importanza dell’impegno e la posta in palio, ma tutti i nazionali avranno quantomeno il tempo necessario per smaltire i minuti messi sulle gambe e (nel caso dei sudamericani) i lunghi viaggi di rientro.

Precedente Tardelli, Oriali e le "follie" al Mundial: "Cominciamo a telefonare in Cina..." Successivo Francesco Totti risponde ad Antonio Cassano: “Verrò dimenticato? Io è da mo’ che me so’ scordato”

Lascia un commento