Inter, rientrati i nazionali europei tranne Calha e Dzeko

Il turco è rientrato tardi dalla Lettonia e sarà ad Appiano domani. Edin in campo stasera in Ucraina. Migliora Sensi

Barella e Bastoni si sono allenati a pieno regime dopo il lavoro personalizzato di ieri. Dimarco li aveva preceduti di 24 ore, non avendo giocato domenica contro il Belgio. Il gruppo Inter comunque è destinato a diventare sempre più folto perché oggi ad Appiano sono arrivati anche i nazionali europei che hanno concluso ieri sera i rispettivi impegni.

Cinque più uno

—  

Seduta di scarico dunque per Brozovic, Perisic, Skriniar, De Vrij e Dumfries, l’unico a segno nella tornata di lunedì. Domani i 5 parteciperanno all’allenamento fissato per il pomeriggio. Da valutare invece il programma che verrà stilato per Calhanoglu. Impegnato ieri sera in Lettonia, il turco aveva il volo di rientro più lungo e non ha potuto raggiungere la Pinetina.

Dzeko da giovedì

—  

Destino che domani potrebbe condividere Dzeko, in campo stasera nella lontana Lviv in Ucraina-Bosnia. L’ex Roma comunque al più tardi sarà in gruppo giovedì per mettere nel mirino il personalissimo derby in cui sarà l’unico protagonista sicuro in attacco. Correa (per di più affaticato) e Lautaro infatti raggiungeranno direttamente il ritiro di Roma soltanto venerdì sera, a meno di 24 ore dalla sfida dell’Olimpico.

Sensi migliora

—  

In linea teorica, ma non dal 1′, per sabato potrebbe tornare a disposizione anche Sensi. Il fantasista, fermo da un mese esatto a causa della distrazione al collaterale accusata contro la Samp, infatti anche oggi ha lavorato parzialmente in gruppo, evitando però la partitella finale. Anche perché, senza dimenticare lo ‘storico’ di problemi che lo perseguitano da due anni, con qualche dolore al ginocchio all’inizio bisogna sempre convivere. Se nei prossimi giorni però il fantasista riuscirà ad allenarsi a pieno regime, Inzaghi potrebbe convocarlo.

Precedente Women-mania per la Champions: col Chelsea Stadium tutto esaurito? Successivo Lucca segna sempre ma la Svezia beffa l'Italia Under 21 al 92': sorpasso rinviato

Lascia un commento