Inter-Milan per lo Scudetto: il precedente amaro, alla fine servì Ibrahimovic

Milan-Inter e lo Scudetto nel derby

Una situazione simile a quella attuale si era già verificata nel 2008, quando in panchina c’erano da una parte Carlo Ancelotti, dall’altra Roberto Mancini. L’Inter si presentò alla terzultima giornata con 81 punti, mentre la Roma era seconda a 75. In caso di vittoria i nerazzurri si sarebbero portati a quota 84, con i giallorossi che vincendole tutte avrebbero raggiunto lo stesso punteggio ma sarebbero comunque arrivati secondi in virtù degli scontri diretti sfavorevoli. L’Inter poteva dunque vincere lo Scudetto in casa dei cugini, ma le cose andarono diversamente.

Il 2-1 per il Milan  firmato Inzaghi-Kakà

Tutto nel secondo tempo: al 51′ Kakà in progressione, palla per Inzaghi che rapace come al solito segna l’1-0 di testa. Raddoppio nell’arco di cinque minuti, stavolta Kakà si mette in proprio e fredda Julio Cesar. A dare una speranza ai nerazzurri ci pensa Cruz, segnando su punizione sul palo di Kalac, ma la gara finisce comunque 2-1 per il Milan.

Discorso Scudetto slittato, con la Roma vittoriosa sulla Sampdoria. Tricolore che l’Inter non festeggiò nemmeno nella giornata seguente, visto il 2-2 a sorpresa con il Siena a San Siro e i giallorossi che si imposero sull’Atalanta per 2-1. Alla fine fu comunque festa nerazzurra, ma con brivido: nel diluvio di Parma il primo tempo è bloccato, mentre la Roma va avanti a Catania: lo scudetto all’intervallo sarebbe giallorosso, poi il deus ex machina di Ibrahimovic, rientrato dopo un infortunio, regalò il titolo con una doppietta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Commisso ridisegna la Fiorentina: scelto il nuovo dg dopo Barone Successivo Inter-Cagliari, la maglia dei nerazzurri è dedicata a... Star Trek