Inter-Juve, sfida Mondiale da 40 milioni: chi porta Gudmundsson negli Usa?

L’Inter si muove per un attaccante. Mehdi Taremi (che arriverà dopo la scadenza di contratto col Porto) non basta per rinforzare il reparto in una stagione dove tra campionato (dove ci sarà da onorare lo scudetto sulle maglie, a meno di inattesi cataclismi), Champions allargata e nuovo Mondiale per club, si arriverà a estate inoltrata. Valentin Carboni, come sottolineato, può essere la quinta punta nella batteria messa a disposizione di Simone Inzaghi, ma – dato per certo l’addio a Sanchez e molto probabile pure quello ad Arnautovic (al secondo infortunio muscolare importante in stagione – per completare il reparto occorre un profilo più “pronto” rispetto all’argentino. E l’identikit è presto detto: seconda punta che possa permettere a Inzaghi di adottare a partita in corso la soluzione con le due punte e il trequartista con costi comunque accessibili (Zirkzee, in tal senso, a oggi è solo un bellissimo sogno, ovviamente al netto di una clamorosa cessione in attacco).

Inter, occhi su Gudmundsson

In tal senso, il profilo che più intriga è quello di Albert Gudmundsson, talento nel pieno della maturità che, a 27 anni (li compirà il 15 giugno), può accettare di essere un’alternativa nel roster di una big. L’Inter si iscrive così a una lunga lista di pretendenti, tra cui ci sono senz’altro pure Juventus e Fiorentina. I viola, tra l’altro, a gennaio sono arrivati a offrire 20 milioni più 3 di bonus per l’islandese, trovando un muro da parte del Genoa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Moviola Inter-Napoli: La Penna sereno, su Thuram era rigore ma... Successivo Modena, Magnino: "Comprendiamo il dispiacere dei tifosi. Al Braglia per vincere insieme"

Lascia un commento