Inter: Inzaghi riabbraccia gli azzurri, oggi gli europei tranne Dzeko. Da venerdì i sudamericani

Già ad Appiano Barella, Bastoni e Dimarco, poi Brozo, Perisic, Skriniar, Calha, De Vrij e Dumfries. Mercoledì tocca al bosniaco, Lautaro e Correa a ridosso della Lazio

L’impegno di sabato non aiuta, ma Simone Inzaghi almeno potrà riabbracciare i suoi nazionali europei già tra domani e mercoledì. Il problema restano i sudamericani, attesi soltanto tra venerdì sera e sabato mattina. Oggi intanto ad Appiano si sono rivisti Barella e Bastoni, anche se solo per una seduta di scarico dopo Italia-Belgio di ieri, mentre Dimarco (rimasto in panchina ieri) ha svolto un lavoro completo.

Gli europei

—  

Terminati gli slot da tre partite, i due impegni consentono una logistica più tranquilla. Stasera infatti scendono in campo (tutti dal 1′, a meno di sorprese) ben 5 nerazzurri, che quindi domani saranno alla Pinetina. Si tratta di Brozovic e Perisic, di Skriniar (che si sfidano in Croazia-Slovacchia) e di De Vrij e Dumfries, che con l’Olanda alle 20.45 ospitano Gibilterra. Trasferta in Lettonia infine per la Turchia di Calhanoglu. Si riaggregherà ai compagni soltanto mercoledì invece Dzeko, in campo domani in Ucraina per tenere vive le speranze mondiali della Bosnia. Edin è anche il più atteso perché la sua presenza contro al Lazio è imprescindibile.

I sudamericani

—  

Il resto dell’attacco interista infatti è sudamericano e tutti saranno impegnati nella notte tra giovedì e venerdì, con margini ridottissimi in vista del match dell’Olimpico. Dopo Argentina-Perù (ore 1.30), Correa e Lautaro saliranno su un charter che li porterà direttamente a Roma venerdì sera. Stessa sorte per Vecino, impegnato alle 2.30 a Manaus in Brasile-Uruguay. Sanchez e Vidal (Cile-Venezuela) arriveranno invece soltanto il giorno di Lazio-Inter. Piccola consolazione. Visto che dopo la sosta di novembre c’è Inter-Napoli, a Inzaghi non dispiace certo che anche le gare nel girone sudamericano torneranno ad essere due. L’ultimo impegno sarà il 16 novembre, mentre contro Osimhen e soci si andrà in campo soltanto il 21.

Precedente Barella: "Stankovic l'idolo, alla Viola il gol più bello. E Brozo come spalla" Successivo Giroud: "Non vedo l'ora di giocare con Ibra. Lotteremo per lo scudetto"

Lascia un commento