Inter, il calendario regala un poker da brividi

Stasera i nerazzurri sfidano i bianconeri, che nel 2021 ha sempre vinto, tranne l’incrocio del 17 gennaio. Poi ci sono i biancocelesti (7 vittorie di fila in campionato), la capolista rossonera e il Grifone, rinato con Ballardini

Scherzi del calendario. Nelle settimane in cui Suning sta cercando una soluzione che consenta di far fronte ai problemi di liquidità senza cedere la maggioranza, Antonio Conte carica i suoi in vista di un tris (ma si potrebbe parlare di poker) contro la squadre più in forma del momento. Stasera in Coppa serve l’impresa di una vittoria con due gol di scarto (o segnandone tre) in casa della Juve. Per rendere la difficoltà dell’impresa basterebbero i numeri. Nelle ultime 9 sfide in assoluto, l’Inter ha vinto soltanto quella del 17 gennaio scorso. E allo Stadium non passa dal novembre 2012: 3-1 con Stramaccioni in panchina. Da allora, 6 successi bianconeri e 2 pareggi.

Percorsi netti

—  

Ma il vero problema è che la Juve sembra avere trovato la quadra e l’antico cinismo. Concede pochissimo, lascia palleggiare l’avversario fino alla propria trequarti per poi sprigionare veleno in ripartenza. Senza l’agguato firmato Vidal e Barella, il 2021 della squadra di Pirlo sarebbe un percorso netto: 10 vittorie su 11 partite. Non che faccia molto peggio la Lazio, salita al settimo successo consecutivo in campionato grazie all’1-0 sul Cagliari. Tra gli scalpi di Immobile e soci ci sono anche quelli preziosi di Roma e Atalanta.

Derby e Genoa

—  

L’incrocio di domenica sera al Meazza sarà cruciale. Anche perché Conte lo affronterà con tre uomini chiave in diffida. Un cartellino giallo contro la Lazio negherebbe infatti il derby del 21 febbraio a Bastoni, Barella e Brozovic. Dici poco, contro la capolista che continua a stupire. Il calendario poi prevedeva un’ipotetico doppio turno favorevole, prima di ospitare l’Atalanta, l’8 marzo. Peccato che nel frattempo il Genoa di Ballardini sia lievitato come un soufflé, blindando la difesa e mettendo sotto squadre come il Napoli.

Precedente Da Facchetti a Strama, quanti ribaltoni nella storia. Inter, si può fare Successivo Ecco a voi la Conference League, ma a chi serve la coppa dei poveri?

Lascia un commento