Inter, formazione (quasi) fatta. Ma per una maglia sono in 5

Inzaghi ha mischiato le carte anche nella rifinitura, ma in conferenza ha fatto i complimenti a Calha, Vidal, Vecino, Gagliardini e Sensi

Partita speciale, ma le abitudini non cambiano. E quindi Simone Inzaghi ha mischiato le carte anche nella rifinitura in vista di Milan-Inter. Proverà la formazione soltanto durante il “risveglio”. Ma è possibile che per avere certezze gli stessi giocatori dovranno aspettare la riunione tecnica che nel secondo pomeriggio precederà la partenza in pullman verso San Siro.

Le certezze

—  

Al momento sembrano sicure nove maglie e mezzo. Handanovic, Skriniar, De Vrij, Darmian, Barella, Brozovic, Perisic, Dzeko e Lautaro giocheranno dal 1′. Così come Bastoni, che però potrebbe essere insidiato da Dimarco, il cui destino è legato a quello di un compagno che pure ricopre tutt’altro ruolo: Calhanoglu. Inzaghi infatti vuole sempre in campo almeno uno dei due kicker, consapevole che sui piazzati è fondamentale innescare la contraerea che di testa ha già segnato un terzo dei gol. Vero che contro lo Sheriff, quando nel finale è uscito Dimarco, il corner del 2-0 lo ha battuto (e bene) Brozovic. Ma quei due si fanno preferire.

Una maglia per cinque

—  

E qui si passa al vero dubbio, cioè la mezzala sinistra. Stando a quanto detto da Inzaghi in conferenza, c’è una maglia per 5 al fianco degli intoccabili Barella e Brozovic, sempre insieme anche durante la seduta odierna. “Calhanoglu ha fatto una grande partita con l’Udinese, Vidal è stato fondamentale in Champions, Gagliardini con Empoli e Lazio è stato tra i migliori. Avrei voluto far giocare Vecino con l’Udinese ma aveva un problema che ha superato, negli allenamenti mi mette sempre in difficoltà. Sensi meriterebbe più spazio”, il giro dei complimenti non ha risparmiato nessuno.

Anche se il ballottaggio dovrebbe ridursi a Calha e Vidal: il turco ha riposato in Champions, è il più atteso (anche dai suoi ex tifosi) e per un’ora riesce a garantire quell’intensità importante sempre indispensabile in un derby. Vidal ha fatto bene in Moldavia, non è certo tipo che accusa uno stadio contro (anzi), ha mestiere e capacità di inserimento. Calha sembra comunque favorito.

Precedente Cagliari, Mazzarri: "Buona partita, il pari sarebbe stato più giusto" Successivo Rebic, un'arma in più per Pioli. Ballo-Touré e Krunic: chance dal 1'

Lascia un commento