Inter e Napoli, che duello. Per il primato ma non solo: il punto su Onana

In lotta a distanza per il vertice della classifica, in attesa del primo scontro diretto in programma il 21 novembre a San Siro, ma non solo: lo scontro tra Inter e Napoli si allarga anche al mercato. In ballo c’è il futuro della porta di entrambe le squadre, perché se ora i pali sono affidati rispettivamente ad Handanovic e Meret (ora assente per infortunio, c’è Ospina), nerazzurri e partenopei condividono un obiettivo: André Onana, in scadenza con l’Ajax e quindi occasione a zero per il 2022. Il rinnovo con i Lancieri è una chimera, tant’è che gli olandesi si sono mossi prendendo altri due portieri, il classe ’96 è tornato ad allenarsi e si prepara per il ritorno in azione a inizio novembre, quando scadrà la squalifica per doping.

Gioca a Magic e sfida i migliori fantallenatori nel fantatorneo Nazionale de La Gazzetta Dello Sport. In palio più di 1.000 premi. Attivati

LA SITUAZIONE – L’Inter è stata la prima squadra italiana a muoversi su questo fronte, da mesi Marotta e Ausilio hanno avviato i contatti con l’entourage del camerunese a tal punto da raggiungere un principio di intesa con il giocatore che ha sempre manifestato la volontà di vestire i colori nerazzurri. Nel frattempo, tuttavia, la concorrenza è aumentata partendo proprio dal Napoli che a inizio settembre ha fatto un sondaggio approfondito: Giuntoli sta pensando al dopo-Ospina (il cui contratto scade al termine della stagione) e cerca un portiere affidabile da affiancare a Meret, questo ha spinto gli azzurri a ragionare su Onana che a condizioni di mercato favorevoli abbina anche un’ottima esperienza europea. Da registrare, poi, l’inserimento dall’estero di Lione e Barcellona, che accarezza l’idea di riportare a casa l’estremo difensore (cinque anni nelle giovanili blaugrana). L’Inter resta in pole, ma la partita non è chiusa e la pressione aumenta: e con il Napoli e più che una semplice sfida di mercato.

Precedente Calcio Sudamericano: nella notte si assegnano 100€ Successivo È tornato il Muro Koulibaly: il Napoli ha creduto in lui e adesso se lo tiene stretto

Lascia un commento