Inter, ansia per Dzeko. Nuovi esami a breve, si spera che non giochi sabato

Malgrado il risentimento muscolare accusato nel derby, il bosniaco resta in nazionale. La paura è che venga utilizzato già sabato, rischiando una ricaduta

Inzaghi tira un sospiro di sollievo per le condizioni di Bastoni e Barella, ma resta in apprensione per Dzeko. Dei tre interisti usciti malconci dal derby, l’attaccante è l’unico i cui esami strumentali – pur escludendo una lesione – abbiano evidenziato un risentimento muscolare (alla parte posteriore della coscia).

Tagliando martedì

—  

Una situazione dunque da monitorare attraverso contatti continui con lo staff medico bosniaco. Edin, che in ritiro si è limitato a fare terapie, si sottoporrà ad un nuovo test tra domani e dopo. La speranza è che tutto vada per il meglio e soprattutto che, per evitare il rischio di una ricaduta, il c.t. della Bosnia Petev gli risparmi almeno il primo dei due impegni, quello di sabato contro la Finlandia, in modo che il match di martedì 16 contro l’Ucraina diventi una sorta di tagliando in vista delle sfide cruciali in nerazzurro, contro Napoli (21 novembre) e Shakhtar (il 24).

Gare delicate

—  

Il problema è che il 35enne Dzeko è indispensabile anche in nazionale e che i suoi si giocano le residue chance di centrare quel secondo posto nel Gruppo D che garantirebbe il playoff per il Mondiale in Qatar. Al momento dietro alla capolista Francia (12 punti) ci sono proprio Ucraina (9, ma con una gara in più) e Finlandia (8) davanti alla Bosnia, a quota 7.

Precedente Spettacolo in arrivo in Lione-Bayern Monaco Successivo Juve, Roma e pure Genoa: vale la pena fare contratti lunghi ai tecnici?

Lascia un commento