Inter all’uruguaiana: il “mal di pancia” di Vecino può diventare un assist per Nandez

Matias si è detto stupito per lo scarso impiego in nerazzurro. È in scadenza, se uscisse a gennaio sarebbe più facile arrivare al connazionale del Cagliari

“Nell’Inter negli ultimi mesi sto vivendo una situazione che non era quella che mi aspettavo a inizio stagione in base a quello di cui avevo parlato con l’allenatore e con il club. Il calcio è fatto di momenti, a volte positivi e a volte negativi. È chiaro che se questi ultimi aumentassero, credo che con l’Inter dovremo discutere, sempre col massimo rispetto, per trovare una soluzione buona per tutti”. Con la consueta pacatezza ed educazione, Matias Vecino dall’Uruguay lancia un messaggio all’Inter che potrebbe aprire nuovi scenari in vista del mercato di gennaio. Fornendo di fatto un assist per una staffetta uruguaiana con Naithan Nandez. Cerchiamo di capire come.

Spazio e stipendio

—  

Vecino in effetti ha giocato da titolare soltanto due delle 16 gare stagionali dell’Inter (di cui una, col Bologna, per l’infortunio all’ultimo minuto di Vidal) e appare chiuso non soltanto dagli intoccabili Barella e Brozovic, ma anche da Calhanoglu, Vidal e Gagliardini. Senza dimenticare Sensi. Visto che tra un anno c’è il Mondiale in Qatar, Matias non vuole rischiare il posto anche in nazionale e chiede di giocare di più. Con un contratto in scadenza, se a gennaio portasse una squadra (lo stimano molto Sarri, che lo ha allenato a Empoli, e Spalletti, che con un gol di Matias nel 2018 ha riportato l’Inter in Champions) i nerazzurri risparmierebbero quasi 2,2 milioni lordi di ingaggio (per una stagione ne paga 2,5 netti, cioé 4,63) e avrebbe uno spazio in rosa.

Cercasi quadra

—  

E qui si passa al connazionale Nandez, già vicino al nerazzurro la scorsa estate. Il jolly è forte di una promessa del Cagliari di lasciarlo andare in una grande. L’accordo a 3 milioni a stagione era già stato trovato qualche mese fa, ma non se n’era fatto nulla perché i due club non avevano trovato la quadra sul cartellino. Operazione non facile nemmeno adesso, con l’Inter che spingerebbe per un prestito di qualche mese e il presidente dei sardi Giulini che giustamente vuole monetizzare. Il tempo per discuterne non manca. Nandez a Inzaghi farebbe comodo perché può agire da esterno destro a tutta fascia – nel ruolo in cui Dumfries sta faticando – ma anche da mezzala, a colmare l’eventuale vuoto lasciato da Vecino.

Precedente Spareggi, la missione di Mancini. La seconda partita sarà difficile Successivo PROBABILI FORMAZIONI FINLANDIA FRANCIA/ Quote: prima da titolare per Moussa Diaby?

Lascia un commento