Insigne l’americano: a pranzo con due dirigenti Mls. Mentre il Napoli…

Insieme al suo procuratore, ha incontrato Di Cuollo, vice presidente della Lega americana

Non solo l’Europa e, dunque, Inter e Manchester United. Il “tiraggiro” di Lorenzo Insigne ha ammiratori anche negli Stati Uniti. La notizia del mancato rinnovo è arrivata fin laggiù, tant’è che nei giorni scorsi, in città è arrivato il vice presidente della MLS, la Lega americana, Lino Di Cuollo che è stato notato in un ristorante importante del centro di Napoli, in compagnia dell’agente e intermediario, Andrea D’Amico, lo stesso che ha mediato con il Lille per l’operazione Osimhen, e lo stesso che portò Giovinco negli Stati Uniti. Con loro, anche una terza persona che, secondo indiscrezioni, sarebbe un dirigente del Toronto. Tra l’altro, pare che i tre siano stati ospiti di Vincenzo Pisacane, il procuratore del capitano del Napoli, che insieme a Lorenzo, ha poi pranzato con i due esponenti della Mls, lunedì. Indiscrezioni, certo, che stanno animando le ultime ore. L’idea di finire dall’altra parte del mondo potrebbe anche essere affascinante, perché comunque giocare in America gli garantirebbe svariate decine di milioni di dollari. E se la questione fosse soltanto di natura economica, allora non ci sarebbe concorrenza con l’offerta del Napoli, pronto a confermargli lo stipendio attuale (4,6 milioni per le prossime 5 stagioni.

Nessuna intesa

—  

Tra il Napoli e il giocatore non s’è trovato l’accordo. Il manager dell’attaccante s’è incontrato con Aurelio De Laurentiis, ma la fumata è stata nera, anzi nerissima, perché le parti continuano ad essere molto distanti e, all’orizzonte, non s’intravede la possibilità di un’intesa. Gennaio, intanto, si avvicina e la possibilità che Insigne possa accordarsi con un altro club e tutt’altro che remota. L’Inter, dicevamo, non l’ha mai perso di vista. Ovviamente, è bene ribadirlo, che siamo nel campo delle ipotesi, perché il discorso con il Napoli resta aperto, anche se lo stesso capitano ha ammesso che sarà molto difficile che si possa trovare una soluzione.

Precedente Sei ancora in tempo, lavora con Tplay Successivo Mexes: “Ero stanco di andare ad allenarmi e vedere gente giovane che non aveva la grinta”

Lascia un commento