Inghilterra esagerata: segna 10 gol e vola in Qatar! Polonia flop: va ai playoff. Balzo della Scozia

Gli uomini di Southgate travolgono San Marino per 10-0 e conquistano il pass per il Mondiale. L’Ungheria batte a sorpresa Szczesny e compagni, mentre la Scozia si guadagna col 2-0 alla Danimarca un posto tra le teste di serie ai playoff

Matteo Lignelli

15 novembre – Milano

L’Inghilterra sconfitta dall’Italia nella finale dell’Europeo strapazza San Marino e si qualifica direttamente al Mondiale del 2022. Un verdetto praticamente scontato, dato che sarebbe bastato un pari contro la più debole del gruppo I, e allo stesso tempo storico visto che gli inglesi non segnavano dieci gol dal 1964. Nella storia ci finisce pure Harry Kane, che segna 4 gol dei 6 totali del primo tempo. Nel finale esulta Abraham della Roma. La Polonia perde contro l’Ungheria, ma è consapevole dai primi secondi di gara che superare l’Inghilterra in classifica è impossibile. Dovrà passare dai playoff, ma con questo finale termina tra le non teste di serie. La Danimarca, già qualificata da metà ottobre dopo un percorso netto, cade 2-0 con la Scozia, che va agli spareggi da testa di serie. Vincono anche l’Austria (doppietta di Arnautovic), l’Albania di Reja e Israele.

GRUPPO F

—  

In ballo non c’è niente: l’Austria non può arrivare seconda, ma sa che entrerà nei playoff perché ripescata dalla Nations League; la Moldavia è rassegnata all’ultimo posto del girone. Fatto sta che all’attaccante del Bologna Marko Arnautovic i discorsi interessano poco e dopo quattro minuti sblocca il match, per ripetersi poi su rigore al 55’. Nel mezzo il raddoppio di Trimmel e il gol di Ljubicic che vale il poker. Accorcia Nicolaescu al 60’.

Israele-Isole Faer Oer 3-2

—  

Dopo aver rimediato tre sconfitte nelle ultime quattro gare Israele chiude col sorriso, anche se troppo lontana dalle posizioni che potrebbero valere il Qatar. Un successo propiziato dalla rete di Dabbur, attaccante dell’Hoffenheim, a segno dopo 30 minuti su rigore e deciso al 74’ da Peretz dopo la rimonta delle Isole Far Oer da 0-2 a 2-2.

Scozia-Danimarca 2-0

—  

Certo, chiudere le qualificazioni da imbattuta dopo 10 gare sarebbe stato motivo d’orgoglio, ma c’è da credere che la Danimarca possa essere soddisfatta di una partecipazione al Mondiale che era realtà già il 12 ottobre, come premio di un percorso stupendo. Nell’ultimo turno arriva la sconfitta contro la Scozia, già consapevole di dover passare dagli spareggi. La Nazionale di Steve Clarke si prende la rivincita contro l’unica squadra che era riuscita a batterla in tutto il gruppo. Apre le marcature Souttar, giovane difensore dello Stoke City, dopo 35 minuti; le chiude Adams a 4 minuti dalla fine. Ed è testa di serie agli spareggi. Per la Danimarca in campo dal 1’ Kjaer del Milan, Maehle dell’Atalanta e Skov Olsen del Bologna; oltre a Cornelius, vecchia conoscenza della serie A con la maglia della Dea e del Parma.

Classifica: Danimarca 27 (qualificata), Scozia 23 (playoff), Israele e Austria 16, Isole Far Oer 4, Moldavia 1.

Gruppo I

—  

Dieci gol per scacciare la paura di una rimonta della Polonia in testa al gruppo I che avrebbe avuto dell’incredibile. Non passano nemmeno sei minuti e la sblocca Maguire, centrale dello United con un colpo di testa, seguito da un autogol di Fabbri. A un ritmo vertiginoso arrivano poi quattro reti di Kane, il primo giocatore inglese con un bottino simile dal 1993 (Kane, con 48 gol, ha tra l’altro raggiunto Lineker al terzo posto nella classifica dei migliori marcatori della Nazionale inglese, cinque in meno di Rooney che comanda la classifica). Era riuscito a Ian Wright sempre contro San Marino. Chiudono Smith Rowe, Mings, Abraham della Roma e Saka. Dal 1964, contro gli Usa, l’Inghilterra non segnava così tanto. È la seconda giornata di festa per i suoi tifosi: domenica circa 150 di loro, arrivati in anticipo, si erano spostati a tifare il Rimini in serie D. Altra goleada: 5-1 contro l’Aglianese, società di Pistoia dove è iniziata la carriera da allenatore di Massimiliano Allegri.

Albania-Andorra 1-0

—  

L’Albania di Edy Reja, terza nel gruppo I, chiude con una vittoria e la consapevolezza che in ogni caso non avrebbe preso parte al Mondiale in Qatar. Dopo lo 0-0 del 45’, decide Çekiçi dal dischetto, al 73’, contro Andorra, ben contenta di aver eguagliato il miglior record di punti (6), nelle qualificazioni a un grande torneo internazionale.

Polonia-Ungheria 1-2

—  

Con l’Inghilterra che segna a raffica contro San Marino, la Polonia di Szczesny ha ben chiaro fin dall’inizio (e forse già prima di giocare) che il primo posto nel girone sarebbe stato un miraggio ed è rassegnata a disputare i playoff. Ne approfitta l’Ungheria del c.t. italiano Marco Rossi, capace di fermare la Francia campione del mondo in carica nell’ultimo Europeo. L’1-0 è opera di Schäfer, di testa, dopo 37 minuti. Pareggia Swiderski poco dopo l’ora di gioco, finché all’80’ Gazdag non segna il gol che vale la vittoria ungherese mentre la Polonia finisce tra le non teste di serie dei playoff.

Classifica: Inghilterra (qualificata) 26, Polonia (playoff) 20, Albania 18, Ungheria 17, Andorra 6, San Marino 0.

Precedente Galles-Belgio, o reti inviolate o doppio esito “Goal” Successivo Mancini: "Andremo al Mondiale a marzo e magari poi lo vinceremo, sono totalmente fiducioso"

Lascia un commento