Indomabile Cagliari, strepitosa rimonta sull’Inter firmata da due irriducibili: Viola e Ranieri

Il 10 febbraio scorso, la Lazio aveva battuto il Cagliari alla Domus Arena, precipitando i rossoblù sul fondo della classifica. Dopo quella sconfitta, la quarta consecutiva, Claudio Ranieri aveva rassegnato le dimissioni, convinto che la squadra avesse bisogno di una scossa. Ma la squadra gli disse: non se ne parla, lei resta con noi. Lei ci ha riportato in Serie A, insieme con lei ci salveremo. Sono trascorsi, due mesi: dopo la Lazio, il Cagliari ha pareggiato con il Napoli e l’Udinese, ha battuto l’Empoli e la Salernitana, ha perso solo a Monza, ha pareggiato con il Verona, ha battuto l’Atalanta e, nella trentaduesima giornata, incurante degli sfavori del pronostico, ha pareggiato in casa dell’Inter, capolista lanciatissima verso il ventesimo scudetto, rimontandola per due volte davanti a 72 mila spettatori. L’Inter in casa aveva pareggiato una volta sola (con il Napoli, il 17 marzo; l’unica sconfitta risale addirittura al 27 settembre, con il Sassuolo). Con i rossoblù, dopo essere passata due volte in vantaggio si era illusa di avere in tasca sia la vittoria sia quei due risultati utili su tre per l’aritmetica conquista del tricolore, da coronare il 22 aprile, nel derby. Invece, se la Beneamata vorrà laurearsi campione d’Italia proprio in casa del Diavolo, dovrà batterlo.

È chiaro che la seconda stella sia soltanto una questione di tempo, tuttavia è facile presumere quanto il 2-2 con il Cagliari non sia andato giù a Simone Inzaghi, per il modo in cui è maturato. Il risultato non intacca certamente la cavalcata trionfale interista. Semmai, i rossoblù l’hanno frenata e questo è il loro grande merito, scaturito da una orgogliosa prova corale, sublimata da Viola, che, a 34 anni, sull’isola sta finalmente raccogliendo le soddisfazioni degne del suo purissimo talento: “Ranieri è davvero una gran bella persona. Il tecnico lo conosciamo tutti, ma umanamente è impareggiabile”. Viola ha detto tutto. A sei giornate dalla fine, il Cagliari conta 4 punti di vantaggio sulla zona B: venerdì riceverà la Juve alla Domus Arena. Se continua a giocare così, Allegri stia in campana. E, nel nome di Gigi Riva, Cagliari si tenga stretto Sir Claudio., oggi e domani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Sassuolo-Milan, le pagelle: Leao brilla, male Thiaw Successivo Sassuolo-Milan, la moviola: Massa pochi errori, ma rischia su Musah