Il videogioco che vuole scalzare FIFA ha tre nuovi club partner

UFL stringe una collaborazione con squadre dal campionato portoghese, dal tedesco e da quello ucraino, ma il gameplay ancora latita.

Lo scettro di FIFA come videogioco di calcio con più seguito è sempre molto ambito e nuovi concorrenti si affacciano continuamente all’orizzonte. Complice anche l’assenza di conferme per il rinnovo della licenza con la federazione internazionale, UFL si vuole lanciare nell’agone con una formula rivoluzionaria. E, per farlo, questo nuovo titolo si sta fregiando della collaborazione di diversi club su licenza: tre sono appena diventati partner del gioco, il che vuol dire che saranno inclusi con kit e loghi ufficiali, e non solo. 

I tre nuovi club —

UFL ha siglato un accordo di licenza con tre club storici sparsi per l’Europa. Si tratta di Sporting Lisbona, Shakhtar Donetsk e Borussia Mönchengladbach. La notizia dell’aggiunta di ciascuna squadra è stata data con un breve video attraverso gli account social delle società, che non hanno esibito gameplay del titolo ma soltanto scene di tifo e colori delle rispettive compagini. Per il momento, sul gioco di Strikerz Inc. resta un velo di mistero dopo la presentazione della Gamescom dello scorso agosto, con una sola altra partnership firmata finora (con il West Ham) e uno sparuto gruppo di testimonial, composto per ora da Firmino e Zinchenko.

UFL sfida FIFA —

UFL conta sulla licenza FIFPro, il che vuol dire che può riprodurre fedelmente le fattezze di oltre 5.000 calciatori membri dell’associazione internazionale (ma per club e stadi è un altro paio di maniche). Stando al team di sviluppo, “le vostre vittorie dipenderanno esclusivamente dalle vostre abilità nel gioco e dalle scelte che farete”, non da microtransazioni in stile FUT, e ci sarà una bozza di modalità offline per le amichevoli con gli amici. Le valutazioni dei calciatori saranno realizzate in collaborazione con la compagnia di analisi delle performance InStat, un cambio di passo rispetto agli altri titoli che le producono in casa. Mentre resta lo scetticismo per la complessità del genere e l’assenza di gameplay, UFL si sta facendo gradualmente facendo un nome come alternativa gratis ai giganti del calcio videogiocato come FIFA: ma ce la farà davvero?

23 Novembre 2021 (modifica il 23 Novembre 2021 | 14:02)

Precedente Vidal ha già "tradito" la Panda: è tornato dalla sua Ferrari Successivo L'ex di Zaniolo si sfoga: "Sfigati, tirate fuori cose passate per denigrarmi"

Lascia un commento