Il Sassuolo non abbatte il muro: il Bologna in 10 strappa il pareggio

Segna Soriano, poi rosso a Hickey con la Var e si gioca a una sola porta. Caputo trova il gol, ma punto prezioso per la squadra di Mihajlovic

Il derby d’Emilia fra club gemelli ma diversi per strategie societarie e risultati sportivi produce un pareggio che premia la resistenza del Bologna, costretto un’ora in inferiorità numerica, e brucia la foga del Sassuolo, incapace di tradurre in più di un gol la pressione della ripresa.

LA PARTITA

—  

Il Sassuolo vuole proseguire nella rincorsa alla zona delle coppe, il Bologna cerca uno squillo per dissolvere i veleni di una settimana agitata che solo l’incontro tra Mihajlovic e i tifosi ha stemperato a più miti consigli. Il tecnico serbo fa tre cambi e cioè riporta il giovane Hickey sulla fascia sinistra (Dijks ai box per un risentimento muscolare), inaugura la coppia mediana Svanberg-Dominguez per la prima volta insieme dal primo minuto, loro che abitualmente si scambiano il posto di partner di Schouten in mediana. Invece stavolta è l’olandese a slittare in panchina e infine restituisce a Orsolini il suo ruolo di esterno destro d’attacco. E’ Caputo con un diagonale insidioso ma largo sul fondo ad aprire le ostilità ma è il Bologna a passare con opportunismo al 17’ sfruttando un’uscita sbagliata di Magnanelli che Barrow converte in un assist al centro per l’inserimento di Soriano, veloce ad anticipare Ferrari e a battere Consigli con un fendente sotto misura. Per il trequartista è il settimo sigillo stagionale, a un gol dal suo record di segnature in A. Il Sassuolo non accusa e reagisce subito rovesciandosi in attacco, si accendono molte mischie sul limite dell’area bolognese ma nessuno dei giocatori di De Zerbi riesce a trovare lo spiraglio buono per impensierire Skorupski. Al 34’ Hickey entra col piede a martello sulla caviglia destra di Muldur, lo scozzese sembra farla franca ma l’arbitro La Penna, richiamato dal Var, gli sventola il rosso diretto e così il Bologna si ritrova in 10. Mihajlovic si adegua inserendo De Silvestri per Svanberg, un cambio in emergenza che annuncia una notte di passione. Ma all’intervallo gli ospiti tengono il vantaggio dopo che Skorupski silenzia un rasoterra di Locatelli.

RIPRESA a SENSO UNICO

—  

Nel secondo tempo il Sassuolo va all’assalto con Traorè in campo per Magnanelli. Il pari arriva presto. Djuricic cerca lo sfondamento, il suo tiro rimpallato da Danilo diventa un assist per il furbo Caputo che di sinistro non dà scampo a Skorupski. Ancora Caputo accende il gas e mette un pallone da spingere in porta per l’accorrente Traorè che viene anticipato da un intervento salvifico di Soumaoro. Ora il Sassuolo schiaccia il Bologna che può solo difendersi. Mihajlovic opera un triplice cambio: Schouten, Skov Olsen e Palacio per Sansone, Orsolini e Barrow. E’ ossigeno puro per il Bologna che riesce a respingere il forcing provando anche a giocare. Ma il Sassuolo non molla la presa, Skorupski si allunga bene su un colpo di testa di Marlon. C’è anche Defrel a spingere l’attacco di De Zerbi. Il Bologna tiene botta e prende il punto che voleva. Il Sassuolo poteva fare meglio.

Precedente Diretta Prada Cup 2021/ Finale Luna Rossa Ineos streaming video Rai: oggi decisivo? Successivo Serie A, la classifica aggiornata dopo gli anticipi: vince la Lazio, il Genoa resta in serie positiva

Lascia un commento