Il romanticismo di Berardi, il campione che non vuole essere assegno

Calcio business? Quotazioni che si alzano e si abbassano? Lui no. Storia di chi ha scelto un calcio diverso e ama fare sempre la stessa cosa, nello stesso stadio, con gli stessi colori. Lui, Le Tissier, i romantici…

Il peso di un trofeo è difficile da calcolare, perché dietro ci sono decenni di avvenimenti, di imprese e cataclismi sportivi, che lo trasformano in un manufatto storico, che porta nell’anno che viene tutta l’importanza degli anni che sono già passati. È un po’ più semplice, invece, attribuire un valore alla moneta, uguale per tutti, solida matematica, che pur cambiando nel tempo per seguire l’alternarsi di carestia e di abbondanza, restituisce sempre una facciata famigliare al consumatore finale: tanto ho, e tanto compro.

Precedente 2 bicchieri gratis con Birra Moretti filtrata a freddo Successivo Milenkovic, il prezzo cala. E il Milan prova a battere l'Inter. Juve-Dragusin: sì

Lascia un commento