Il Real si aggrappa al solito Benzema: battuto lo Shakhtar di De Zerbi

Lo scontro tra tecnici italiani lo vince Ancelotti, che adesso può sorridere: qualificazione agli ottavi ad un passo

Dal nostro corrispondente Filippo Maria Ricci @filippomricci

3 novembre – MADRID

Nella serata del suo millesimo gol tra Coppa Campioni e Champions League il Madrid con una doppietta di Benzema con due assist di Vinicius batte 2-1 lo Shakhtar e consolida il primato nel girone. Nel duello tra allenatori italiani al Bernabeu Ancelotti ha avuto ancora la meglio su De Zerbi (4 vittorie e un pari in favore di Carlo su Roberto al momento) ma il Madrid, ha faticato, ha rischiato ed è stato fischiato dai suoi tifosi, evidentemente poco soddisfatti da una prestazione con tante pause e alcune amnesie.

VANTAGGIO BENZEMA

—  

Ancelotti ha scelto Lucas Vazquez e non Asensio (o Hazard) per sostituire l’infortunato Rodrygo. De Zerbi da tempo ha perso il suo attaccante di riferimento, Traoré, ma oggi aveva Fernando e Alan Patrick in palla. Il Madrid è partito forte: al 5’ Modric da 7 metri ha costretto Trubin a un miracolo e al 14’ Benzema ha segnato il millesimo gol del Madrid nella massima competizione europea. Trubin ha dato una palla avvelenata a Marlon che l’ha persa sulla pressione di Vinicius. Assist e rete facile facile del francese. Come all’andata un errore grossolano ha condannato lo Shakhtar.

GOL NUMERO 1000

—  

Parentesi statistica. Questa la sequenza dei gol centenari del Madrid: 100, Di Stéfano nel 1960; 200 Puskás nel 1965; 300 Jensen nel 1978; 400 Losada nel 1990; 500 Guti nel 2000; 600 Beckham nel 2003; 700 Higuaín nel 2010; 800 Cristiano Ronaldo nel 2013; 900 ancora Cristiano Ronaldo nel 2017; 1.000 Benzema in questo 2021, a oltre 66 anni di distanza dal primo, segnato dal mito madridista Miguel Muñoz l’8 settembre del 1955 a Ginevra contro il Servette. Per dare un’idea dello strapotere del Madrid nella competizione: i blancos sono stati primi ad arrivare ad ognuna delle centinaia, e al momento al secondo posto c’è il Bayern Monaco staccatissimo a 768. Poi il Barça a 655.

OTTIMO SHAKHTAR

—  

Come all’andata, la squadra di De Zerbi ha provato a giocare, con discreto successo. Prima del gol di Benzema Alan Patrick aveva colpito il palo. Dopo la rete del francese Mudryk si è allungato troppo la palla facendosi anticipare da Courtois. Al 39’ gli ucraini hanno segnato la loro prima e al momento unica rete in questa Champions: splendido l’assist di petto di Alan Patrick per la girata violenta di Fernando. E al 45’ lo stesso Fernando ha costretto Courtois a un grande intervento.

I FISCHI

—  

Il Madrid nel frattempo era quasi sparito, tanto che il Bernabeu per ben tre volte ha portato le mani alla bocca per fischiare con passione i propri distratti beniamini. Abitudine che si è consolidata anche nella seconda parte, fino a quando una grande combinazione franco-brasiliana ha riportato in vantaggio i padroni di casa: lungo possesso, poi l’accelerazione, Vinicius in dribbling, uno-due con Casemiro e nuovo assist a Benzema per il 2-1. Stepanenko ha sfiorato il pari ma in qualche modo il Madrid si è preso i tre punti.

Precedente L'omaggio a Platini, l'obiettivo Baggio: Dybala e i numeri 10 Juve, chi è il più grande? VOTA Successivo Mou punge gli arbitri sui social: "Indovinate quale rigore è stato ripetuto..."

Lascia un commento