Il pronostico a sorpresa di Pioli per Inter-Juve: “Fatemi un favore”

Altra rimonta pazza del Milan che passa 3-2 in casa del Frosinone e consolida il terzo posto. I rossoneri stasera guarderanno da spettatori interessati la sfida tra Inter e Juve, con Stefano Pioli che spera finisca in parità per rosicchiare punti ad entrambe le formazioni: «Si può dire che tifo per il pareggio?», ha affermato sorridendo il tecnico del Diavolo dopo l’ennesima gara vinta in rimonta, proprio come a Udine. «Nel nuovo anno siamo molto vicini ai livelli di Inter e Juventus che stanno andando fortissimo», ha chiarito Pioli. La soddisfazione per aver riportato il successo in casa milanista si legge sul volto dell’allenatore: «Questa vittoria è stata importante per il nostro percorso, che è ancora lungo e difficile, ma siamo contenti, forse a volte ci complichiamo un po’ la vita, ma va bene lo stesso». Decisivo l’ingresso in campo di Luka Jovic, autore di cinque reti in campionato con un minutaggio piuttosto basso. Cinque reti in 511 minuti, un gol ogni 102 minuti per l’ex Real Madrid: «È un giocatore decisivo. Non sta avendo tantissimo minutaggio ma lo sfrutta per aiutare la squadra», ha affermato il tecnico milanista. «Lo sprono tantissimo, credo nelle sue qualità. Ma non è solo merito di Luka. Abbiamo cominciato così così, poi siamo cresciuti, non abbiamo concesso tanto. Poi siamo andati sotto ma dal punto di vista caratteriale non abbiamo mollato». 

Pioli e la rete importante

Così come contro l’Udinese, Luka Jovic è entrato dalla panchina e ha segnato la rete del definitivo sorpasso. Un’arma in più per il Milan rispetto alla scorsa stagione quando la rosa non permetteva questo genere di soluzioni: «Sono molto felice per la vittoria, e poi anche per il gol. Stiamo lavorando duramente tutti i giorni, sono felice perché posso aiutare la squadra. Dobbiamo continuare così», ha detto l’attaccante. La prossima sfida sarà contro il Napoli in casa: «Sarà una partita difficile ma siamo pronti ad affrontare chiunque perché siamo in un buon periodo e siamo una grande famiglia». È andato a segno anche Matteo Gabbia, che continua a dimostrare di essere stato un innesto importante a gennaio. Non solo è sempre tra i migliori della difesa, ma ha trovato la rete del 2-2 a Frosinone su suggerimento di Giroud: «Se si può vincere in una maniera più facile sarebbe meglio, però va bene lo stesso… Una settimana siamo stati rimontati noi alla fine, Frosinone ci deve insegnare che dobbiamo sempre tenere alta l’attenzione», ha detto con molta maturità. Ma il tema delle reti incassate fa discutere. Il Milan è salito a 27 gol presi in questo campionato: «Nove gol in 5 partite sono tanti per noi e per il Milan, ci dà fastidio. Ne abbiamo parlato in settimana, anche per capire un po’ di sensazioni nostre. Abbiamo una settimana ora, dobbiamo sfruttarla per mettere a punto alcune cose».

Il ritorno

Dopo un mese di assenza è tornato in campo Ismael Bennacer: «Abbiamo dimostrato un bello spirito, non abbiamo mollato fino alla fine. Ci dà fiducia per il nostro percorso», ha confessato l’algerino. Con la squalifica di Reijnders contro il Napoli, sarà ancora più importante il recupero del centrocampista ex Empoli: «Sono contento di essere qui con la squadra. Voglio aiutare come posso, ho fame. Spero di dare una mano alla squadra. Per essere uniti sul campo dobbiamo essere uniti anche fuori dal campo», ha confessato l’algerino dopo la rimonta allo Stirpe. E sul derby d’Italia ha detto: «Il risultato tra Inter e Juve non cambia niente. Noi vogliamo vincere sempre».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Clamoroso in Coppa d'Africa: l'arbitro spinge il capitano del Mali, è bufera Successivo Napoli, ben oltre i confini della realtà c'è De Laurentiis

Lascia un commento