Il programma di Chiesa: due assaggi con Cremonese e Udinese, dal Napoli la svolta

L’ala bianconera ha svolto una seduta differenziata in mattinata lavorando sulla condizione atletica, ecco perché non è stato convocato per il test contro lo Standard Liegi

Federico Chiesa andrà in panchina con la Cremonese: dovrebbe essere l’unico dei giocatori attualmente indisponibili per infortunio a esserci già alla ripresa del campionato. Il 7 della Juve non è stato convocato per l’ultimo test amichevole contro lo Standard Liegi perché ha proseguito un programma di lavoro individuale con i preparatori alla Continassa: ha ancora pochi minuti nelle gambe, Max Allegri dunque ha deciso di non rischiarlo ma di concedergli piuttosto un giorno di lavoro in più per consolidare la preparazione atletica.

NAPOLI NEL MIRINO

—  

L’obiettivo di Chiesa è strappare una maglia da titolare nel big match col Napoli, in programma un anno e 4 giorno dopo il suo grave infortunio contro la Roma all’Olimpico. Saranno fondamentali però le due tappe intermedie: Cremonese e Udinese. Se tutto andrà come da programma, dovrebbe giocare in entrambi i match con un minutaggio crescente, così da migliorare sempre di più la condizione. Guai però a correre troppo e a forzare la mano: l’estate scorsa, nel tentativo di anticipare i tempi del rientro, il calciatore si è dovuto fermare di nuovo a causa di un’infiammazione al ginocchio, allungando così i tempi di recupero. Per questo adesso serve prudenza, e la pazienza necessaria.

Precedente Atalanta, 10 gol al Crema: poker di Zapata, segnano anche Muriel e Pasalic Successivo Georgia, arrivano i preservativi con l’immagine di Kvara. Il Napoli è pronto a fare causa

Lascia un commento