Il Parma vince all’ultimo con lo zampino di Buffon. Al Monza il derby con la Cremonese

Segna Mihaila al 98′ per gli emiliani. Il Cittadella ne fa quattro al Crotone, la Spal addirittura cinque contro il Pordenone, in 10 dopo 13 minuti

Francesco Pietrella

29 agosto – Milano

Si è concluso stasera, domenica 29 agosto, il secondo turno di serie B. Il Cittadella rifila un poker al Crotone grazie alla doppietta di Baldini ed è in testa a punteggio pieno con Brescia, Pisa e Ascoli. Prima vittoria del Parma di Buffon e del Monza.

PARMA-BENEVENTO 1-0

—  

Ultimo minuto? Macché, ultimo secondo. In una gara sofferta, difficile, tosta, il gol vittoria del Parma lo segna Valentin Mihaila, imbeccato da un bel lancio di Vazquez da 40 metri; a dare il via all’azione Buffon, che ha innescato l’ultimo contropiede. Il romeno controlla e batte Paleari col sinistro al 97esimo. Primo successo per Maresca dopo il pareggio con il Frosinone, mentre il Benevento cade per la prima volta (aveva vinto 4-3 con l’Alessandria). Sorride anche Buffon: salva i crociati in due occasioni ed esce imbattuto dal Tardini.

MONZA-CREMONESE 1-0

—  

Primo successo per Stroppa dopo il pari contro la Reggina (0-0). Decide un gol del danese Gytkjaer nella ripresa (65’), bravo a buttarla dentro di testa su assist del baby Samuele Vignato, 2004, fratello minore di Emanuele (Bologna). I brianzoli soffrono un po’: la Cremonese passa in vantaggio dopo 9’ grazie a Daniel Ciofani, destro vincente da dentro l’area, un gioco da ragazzi per uno da quasi 70 gol in B, ma l’arbitro annulla dopo un controllo Var. La ripresa è un botta e risposta di guizzi, conclusioni e cambi strategici, ma alla fine vince il Monza. Prima sconfitta stagionale per la Cremonese di Pecchia.

LECCE-COMO 1-1

—  

Pari tra i rimpianti. Per entrambe. Apre Coda al 40esimo su rigore, Gori intuisce e tocca ma non basta. Il pari è di Alberto Cerri due minuti dopo. Cross dalla destra di Iovine, l’ex Cagliari stacca più in alto di tutti e la butta dentro con potenza. Nella ripresa l’occasione più clamorosa è di Solini, professione centrale: che solo davanti a Gabriel spara altissimo a porta semivuota (73’). Nel Lecce ci prova un paio di volte Hjulmand, ma al Via del Mare finisce 1-1.

SPAL-PORDENONE 5-0

—  

Spal a valanga in casa, aiutata dal rosso diretto a Camporese dopo 13’ (entrata dura su D’Orazio, piede a martello). I ragazzi di Clotet fanno 5 gol e si sbarazzano del Pordenone senza faticare. Il primo gol è di Mancosu, schiaffo sotto il sette col sinistro (18’), poi si scatena il baby Colombo show. Il talento in prestito dal Milan, classe 2002, conquista un pallone, si accentra e calcia forte a giro da posizione defilata. Piccolo capolavoro (37’). L’ultimo squillo del primo tempo è di Capradossi, fortunato a deviare di schiena un d’angolo di Viviani (45′). Non è finita. L’ex mediano della Roma entra nei marcatori nella ripresa, 4-0 secco (70’), poi Latte Lath piazza la manita. Destro vincente con dribbling (75’). La Spal riscatta la sconfitta contro il Pisa e sale a 3 punti. Pordenone a zero.

REGGINA-TERNANA 3-2

—  

Al Granillo succede di tutto. Tre espulsioni, cinque gol, una traversa, tre schiaffi amaranto e Reggina vittoriosa. Più cinica dei rivali tra l’altro, in 10’ dal 25’ del primo tempo per il doppio giallo ad Agazzi. Poco male: al 42’ Falletti punge Micai con il sinistro dopo un bell’assist di Donnarumma tra le linee. Il vantaggio dura poco però, perché nella ripresa fa tutto Menez: prima sigla l’1-1 al 50esimo, poi si fa espellere per doppia ammonizione 9’ dopo. Dieci contro dieci. Sembra finita qui, ma la Reggina dilaga in tre minuti: Galabinov raddoppia su rigore (66’) e Rivas cala il tris (69’). A 13’ dalla fine Mazzocchi spaventa Crisetig e compagni accorciando sul 3-2, ma finisce così. Nel finale rosso diretto per Proietti – manata a gioco fermo – e chance clamorosa di Pettinari a botta sicura: destro alto a tu per tu con Iannarilli. La Ternana esce dal Granillo tra i rimpianti e in 9 uomini. Rimonta amaranto completata, la banda Aglietti è a 4 punti.

CITTADELLA-CROTONE 4-2

—  

Il “Citta” di Gorini si prende i tre punti in tre minuti. Succede tutto nella ripresa, dopo il botta e risposta di gol nel primo tempo. Il man of the match è Enrico Baldini, 24 anni, protagonista del poker granata con un bel uno-due tra il 63’ e il 65’. Andiamo con ordine però: il nigeriano Okwonkwo apre i giochi al 19’ con bel destro all’angolino. Primo gol in B su assist di Antonucci. Poi Nedelcearu pareggia di testa su corner di Borello (29’). Primo squillo in B anche per lui, centrale romeno del ’96 arrivato dall’Ufa in estate. Nella ripresa è show di Baldini: prima salta l’uomo a metà campo, si fa 50 metri palla al piede e infila Festa con un destro alla Del Piero, poi trasforma il rigore guadagnato da Okwonkwo con un numero dei suoi. Il Crotone alza la testa e accorcia subito le distanze, decisivo Mulattieri al 68’ con un destro da dentro l’area (assist di Benali). Quarto gol in rossoblù per lui (due in B e uno in Coppa Italia). Un’illusione però, perché Adorni – su calcio d’angolo – cala il poker al 74’ con un bel colpo di testa su assist del solito Baldini. Due vittorie su due per il Cittadella, il Crotone resta a un punto.

Precedente FINALE Salernitana-Roma 0-4: doppietta di Pellegrini, segnano Veretout e Abraham Successivo Quanti dubbi sul gol annullato a Pandev. Mani di Pavoletti: non è rigore

Lascia un commento