Il Parma ritorna in Serie A, basta il pari a Bari: Pecchia esulta e fa festa!

Il Parma e Fabio Pecchia fanno festa! Grazie al ko del Venezia in casa del Catanzaro è bastato l’1-1 in casa del Bari per conquistare l’aritmetica certezza del ritorno in Serie A dei ducali dopo tre stagioni in B (+7 sui veneti a 2 giornate dalla fine del campionato). Dopo lo 0-0 del primo tempo nella ripresa al 50′ ci pensa Bonny ad aprire le marcature. Poi al 68′ arriva il pari dei pugliesi con Di Cesare che garantisce al Bari un punto fondamentale nella corsa che può valere i playout (gli uomini di Federico Giampaolo occupano il terzultimo posto e salgono a 37 punti agganciando Ascoli e Ternana entrambe sconfitte rispettivamente contro Cosenza e Sudtirol ma avendo gli scontri diretti a favore). Per la squadra di Pecchia (alla terza promozione dopo quelle ottenute con Verona nel 2017 e Cremonese nel 2022), invece, ci sarà sicuramente il desiderio di conquistare anche la vetta definitiva della classifica nella serie cadetta che dunque completerebbe il trionfo definitivo: al momento in vetta ci sono proprio i gialloblù con 74 punti, secondo il Como (oggi vittorioso contro il Cittadella) a quota 71. Più staccato il Venezia che resta fermo a 67.

“ParmaAgain. Siamo in Serie A! Con 21 vittorie e 11 pareggi, questa squadra ha dimostrato il suo grande valore e la forza di conquistare, oggi, una promozione meritata sul campo, insieme ai nostri meravigliosi tifosi”. È quanto scrive sul suo sito – dopo l’1-1 sul campo del Bari – il club emiliano nel festeggiare il ritorno tra le grandi del calcio, titolando con un gioco di parole: ‘ParmAgain’, ossia Parma di nuovo in A. Il Parma ha disputato l’ultimo campionato in Serie A nella stagione 2020/21, chiusa all’ultimo posto in classifica. La stagione 2021-2022 si era conclusa 12° posto mentre l’anno scorso i Ducali si sono fermati alla semifinale playoff, persa contro il Cagliari poi promosso in A. Oggi il nuovo approdo nella massima serie.

Le parole di Balata dopo la promozione del Parma

“Sono veramente felice per il Parma, la società merita questo risultato. È partita con un progetto importante, al vertice c’è un presidente di grandissimo spessore, una persona determinata, che ama l’Italia e Parma. Sta affermando un modello di società straordinaria, ha un futuro luminoso. Abbiamo un rapporto costante con loro e Krause è veramente un grande uomo”. Così il presidente della Lega serie B, Mauro Balata, commenta la promozione del Parma. “Oggi mi sono divertito tantissimo, è stata una giornata straordinaria: partite bellissime, gol strepitosi, combattute dal primo all’ultimo, è un po’ la caratteristica della B – ha proseguito Balata ai microfoni di Sky Sport –. Il nostro è il campionato più imprevedibile e divertente d’Europa, lo dicono i dati Opta e per me è motivo di grande soddisfazione anche per i nostri tifosi, che sono sempre di più. Più andiamo avanti e più le partite diventano sentite e intense. Siamo abituati, ma mi emoziono sempre molto, Per il finale di stagione mi sono dotato di un team di cardiologi molto competente…”.

Vittorie per Samp e Reggiana: gioia per Pirlo e Nesta!

Nelle altre sfide della 36ª giornata successo importante per la Samp di Andrea Pirlo che batte per 1-0 il Lecco ultimo in classifica. Decide il match il gol di De Luca all’82’. Da segnalare anche l’espulsione di Lepore al 73′ che nell’assalto finale ha agevolato il compito dei blucerchiati. È un successo fondamentale per i liguri che grazie a questi tre punti scavalcano il Brescia e volano al settimo posto. Pari per 2-2, infatti, per la squadra di Maran che non va oltre il pari sul campo della FeralpiSalò: sblocca Bisoli al 4′, poi c’è la rimonta dei padroni di casa firmata dai gol di Dubickas al 9′ e La Mantia al 29′. In chiusura di primo tempo è ancora Bisoli a siglare il gol del definitivo 2-2. Vittoria fondamentale anche per la Reggiana di Alessandro Nesta che stende 1-0 il Modena: la rete di Gondo al 64′ non solo permette ai granata di staccare le zone basse della graduatoria conquistando l’aritmetica salvezza ma anche di volare a -2 dai playoff: ora il Brescia dista solamente due lunghezze (46 contro 48 punti) e a 180′ dalla fine della stagione regolare sognare è lecito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente L'arbitro Volpi si dimette dopo Cremonese-Pisa: l'annuncio a sorpresa Successivo Feralpisalò, Zaffaroni: "Rammarico per la vittoria mancata, ma la squadra è viva"

Lascia un commento