Il Palermo (con un solo giocatore in panchina!) sfiora l’impresa: 1-1 nel derby col Catania

Nel Barbera deserto torna dopo 7 anni la sfida più sentita dell’Isola: il vantaggio rosanero con Kanoute. Pari rossazzurro con Pecorino nel finale

A sette anni di distanza dall’ultima volta è tornato il derby di Sicilia. Palermo e Catania si dividono la posta in palio nel posticipo della nona giornata di Serie C. Al Barbera è finita 1-1, con i rossazzurri che sono riusciti ad evitare la sconfitta grazie al gol al minuto 80 di Pecorino. Di Kanoute al 15′ la rete del momentaneo vantaggio dei padroni di casa. E considerate le condizioni delle ultime ore in casa Palermo, è un punto che vale oro.

Quante difficoltà

—  

Un derby atipico, in tutti i sensi. Non solo per la mancanza del pubblico al Barbera, ma anche e soprattutto per la vigilia alquanto movimentata sia tra i rosanero che tra le fila rossazzurre. Il Catania ha dovuto rimandare a questa mattina la partenza verso il capoluogo siciliano a causa della positività dell’allenatore in seconda Giuseppe Leonetti. Per i rosanero la situazione è di gran lunga peggiore. Dopo aver effettuato i tamponi del giorno gara, sette giocatori sono risultati positivi al Covid, e si sono aggiunti agli altri cinque positivi della tornata precedente. Senza dimenticare le squalifiche di Crivello e Broh. Insomma, una situazione ai limiti della praticabilità per Boscaglia che ha potuto contare solo su 12 giocatori, tra cui due portieri. In panchina è andato il giovane portiere aggregato dalla Primavera, Matranga.

KANOUTE GOL, PECORINO RISPONDE

—  

Nei primi minuti il Catania manovra, con i padroni di casa che si chiudono e ripartono in contropiede. I rosanero dimostrano subito grande voglia e attaccano senza timore, i rossazzurri appaiono lenti e prevedibili. La dimostrazione arriva proprio sul vantaggio del Palermo al 15′. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Marconi spizza di testa, la pala arriva a Saraniti che calcia in porta, Martinez respinge ma il più veloce è Kanoute a metterla dentro. Nella ripresa il Catania scende in campo con un altro piglio e sfiora al 58′ la rete del pari con Pecorino. Gol che arriverà al minuto 80, con l’ex attaccante della Primavera del Milan bravo ad anticipare Pelagotti in uscita. Nel finale il Catania spinge, ma il Palermo regge e conquista il suo terzo punto stagionale.

Precedente Modello Empoli: Dionisi sulle orme di Sarri e Spalletti Successivo Viaggio nel laboratorio dei sospetti, dove è nato il caso Lazio

Lascia un commento