Il no del Tottenham? Gattuso paga anche il difficile rapporto tra club inglesi e tifosi

Quella di Rino è una storia sgradevole e sbagliata. Ma ripropone con forza il tema del coinvolgimento degli appassionati nel presente e nel futuro del calcio

E’ stato detto che è tutta colpa dei social e degli odiatori da tastiera. La vicenda del mancato approdo di Gattuso sulla panchina del Tottenham è però un po’ più complessa. Non c’è dubbio che l’hashtag #notogattuso, entrato rapidamente in tendenza non appena si è diffusa la voce di una firma imminente, abbia avuto un peso. Ma non determinante. O meglio, non lo sarebbe stato se la ferma opposizione della tifoseria del club londinese non si fosse espressa anche attraverso canali più ufficiali. Nello specifico, è stato il Tottenham Supporters’ Trust a mettersi in contatto con gli alti dirigenti della società per bloccare l’operazione.

Precedente NBA/ La scarpa di Durant e le 3 stelle cadenti: ai playoff non arrivano le migliori 4 Successivo Covid alle spalle, Kulusevski pronto a prendersi la Svezia (e poi la Juve)