Il Napoli e la maglia di Maradona, gli eredi: “Denunciamo il manager”

Diego junior: “La maglia in onore di papà è un vanto, ma non avevamo dato il consenso che è stato firmato da Stefano Ceci. Agiremo per vie legali”

Tra emozioni e tensioni. Come se anche la maglietta celebrativa di Maradona volesse collegarsi al destino del campione argentino. Ieri, nella gara interna contro il Verona, il Napoli è sceso in campo con divisa impreziosita dal volto stilizzato di Diego sovrapposto al segno di un’impronta digitale: un’iniziativa protesa verso il primo anniversario (25 novembre) della scomparsa del campione. Una maglia che verrà indossata anche nei successivi impegni di questo mese della squadra di Spalletti per essere messa in vendita in tre varianti di colore diverso, in edizione limitata.

AZIONE LEGALE

—  

Un’iniziativa che però già nei giorni scorsi aveva fatto trapelare il dissenso da parte degli eredi di Diego. Anzi, dai legali dall’Argentina era emersa la minaccia di azioni legali. Il Napoli, comunque, ha blindato i propri contratti in questione. Era già affiorato il disappunto da parte di Diego junior, il figlio del campione che vive a Napoli e ha buoni rapporti con la società azzurra: avrebbe preferito sapere direttamente della vicenda dal club. Ora è intervenuto con alcune dichiarazioni all’Adnkronos. “La maglia in onore di papà è un vanto ma mi dispiace per la nostra mancata considerazione da parte del Napoli, noi legittimi eredi, non siamo stati coinvolti e non abbiamo mai dato il consenso a questa operazione”. In particolare, la vicenda passa attraverso un’autorizzazione. “È stata firmata da Stefano Ceci, che è stato il manager di papà”. Adesso la situazione è diversa e richiamerebbe direttamente in causa i familiari. “Gli eredi sono gli unici deputati a firmare questo tipo di autorizzazioni”. E Diego Junior ha aggiunto: “È stato ritenuto valido un contratto che non esiste più e quindi agiremo per vie legali. Mi fa strano che una società seria come il calcio Napoli abbia dato credito a questa persona”. Una maglia che è già senza pace, come nel segno del destino.

Precedente Ibrahimovic sempre più eterno: "Vado avanti, non penso a smettere" Successivo Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena dell'8 novembre 2021

Lascia un commento