Il Milan passa agli ottavi se… Ecco tutte le opzioni possibili

I rossoneri con la vittoria a Madrid mantengono ancora in vita la qualificazione. La vittoria sul Liverpool è la prima discriminante. Poi…

La speranza rimane, anche più di prima. Il Milan vince 1-0 a Madrid contro l’Atletico e mantiene ancora aperto il discorso qualificazione. La situazione nel gruppo B adesso è questa: 1° Liverpool a 15 punti e già qualificato, Porto 2° a 5 e Milan e Atletico accoppiate a 4 punti. Cosa devono fare i rossoneri per ottenere il secondo posto e la qualificazione agli ottavi?

Le opzioni

—  

Innanzitutto, il Milan di Pioli dovrà pensare a vincere contro il Liverpool a San Siro e poi sperare in alcune combinazioni. Il Porto affronterà in casa l’Atletico e non dovrà vincere, altrimenti si prenderà il secondo posto. Con un pari in questo match, e con la vittoria del Milan, i rossoneri si prenderebbero la qualificazione (7 punti Milan, 6 Porto e 5 Atletico). L’ultima opzione riguarda il caso in cui dovesse vincere l’Atletico in Portogallo, sempre in contemporanea alla vittoria dei rossoneri con i Reds. A quel punto Milan e Atletico andrebbero a quota 7 punti, con anche gli scontri diretti in parità (1-2 dell’Atletico a San Siro, 0-1 del Milan al Wanda). A quel punto si guarderà la migliore differenza reti generale tra le due squadre: Milan al momento a -2, Atletico a -3. Se anche la differenza reti dovesse essere pari, allora tocca ai gol segnati in tutte le partite del girone: Milan davanti con 5 gol fatti, Atletico dietro con 4. Se anche questo criterio dovesse essere pari, bisogna guardare i gol segnati in trasferta in tutto il girone: Milan a 3, Atletico a 2, quindi ancora davanti i rossoneri attualmente. Con anche questo criterio pari, toccherebbe vedere le vittorie in trasferta in tutto il girone, e qui i Colchoneros sarebbero davanti: attualmente 1 a 1, ma con la vittoria contro il Porto, in Portogallo, l’Atletico supererebbe i rossoneri in questo criterio.

Precedente Pioli festeggia con i suoi: "Coraggio e personalità. Messias? E' solo l'inizio" Successivo La favola di Messias: "Dopo il gol mi è venuto da piangere. La mia storia è scritta da Dio"

Lascia un commento