Il Leicester batte 3-1 il Legia e supera il Napoli. Agli ottavi anche il Monaco

I francesi si aggiungono a Bayer e West Ham. Azzurri costretti a vincere per conquistare la qualificazione, mentre la Lazio si gioca il primo posto col Galatasaray. Nainggolan a segno col suo Anversa, che rovina la festa all’Eintracht

Matteo Lignelli

25 novembre – Milano

Nel girone della Lazio (gruppo E) vince anche il Galatasaray (4-2 al Marsiglia), al momento in testa grazie alla vittoria dell’andata con la squadra di Sarri (1-0). Si deciderà tutto nello scontro diretto del 9 dicembre. Così come per il Napoli, che vede il Leicester passare dall’ultimo al primo posto del gruppo C dopo il successo con il Legia. Gli uomini di Spalletti ora sono terzi, ma il piazzamento finale dipenderà dallo “spareggio” della prossima giornata contro gli inglesi. Se ne vanno agli ottavi il West Ham, capolista del gruppo H, dopo il successo per 2-0 a Vienna contro il Rapid, e il Bayer Leverkusen che contro il Celtic rischia tantissimo. Insieme al Monaco, 2-1 nel big match con la Real Sociedad. Che beffa, al contrario, per il Francoforte, fermato dall’Anversa di Nainggolan (a segno) all’ultimo tuffo e raggiunto a -2 dall’Olympiacos, che nel finale vince di misura con il Fenerbahce. Tedeschi e greci se la vedranno a distanza per il primato. Nel gruppo A il Lione ribadisce il proprio dominio con la quinta vittoria in altrettante gare: 3-1 al Brondby. Dietro i Rangers vincono lo scontro diretto con lo Sparta Praga (2-0) e agguantano il secondo posto, che significa playoff, ribaltando la sconfitta di misura (1-0) dell’andata.

Gruppo A

—  

Rischia lo scivolone il Lione, già primo e contento di raggiungere gli ottavi di finale. Il Brondby approfitta della tranquillità dei francesi e colpisce al 51’ con Uhre, la capolista pareggia poco dopo con Cherki sfruttando un erroraccio della difesa di casa. A quel punto non c’è partita: segnano ancora Cherki e poi Slimani per il 3-1 finale, servito dall’ex Milan Paquetá. Il Brondby resta ultimo, però può ambire al terzo posto se vincesse la prossima contro lo Sparta Praga, rullato 2-0 dai Rangers che conquistano il secondo posto avendo ribaltato il confronto diretto proprio con i cechi (avevano vinto 1-0 all’andata). È Morelos, autore di una doppietta, a far sorridere van Bronckhorst, erede di Gerrard a Glasgow. Segna dopo un quarto d’ora e poi nel secondo tempo sfruttando un errore clamoroso di Panak, che gli spalanca la porta con un passaggio orizzontale in area.

Classifica: Lione 15, Rangers 7, Sparta Praga 4, Brondby 2.

Prossimo turno (giovedì 9 dicembre): Lione-Rangers, Sparta Praga-Brondby.

Gruppo B

—  

Al Monaco serviva una vittoria, è arrivata nella sfida ad alta quota contro la Real Sociedad, rivelazione della Liga. Dopo ventotto minuti equilibrati succede di tutto e i francesi si portano due volte in vantaggio. Prima con Volland, che entra direttamente in porta con il pallone, ripreso dal pallonetto di Isak (35’). Infine il 2-1 di Fofana un paio di giri d’orologio più tardi. È la prima rete col Monaco e anche quella che regala gli ottavi alla squadra. Gli spagnoli scivolano terzi, ma avranno la possibilità di entrare negli spareggi vincendo lo scontro diretto contro il Psv, per di più in casa. Gli olandesi superano 2-0 lo Sturm Graz, ultimo. Avanti alla fine del primo tempo su rigore di Vinicius, conquistato da Mario Götze, raddoppiano con Bruma.

Classifica: Monaco 11, Psv 8, Real Sociedad 6, Sturm Graz 1.

Prossimo turno: Sturm Graz-Monaco, Real Sociedad-Psv.

Gruppo C

—  

Il Leicester passa dall’ultimo al primo posto del mini-raggruppamento, dove però l’equilibrio è massimo. Così facendo costringono il Napoli vincere lo scontro diretto, in casa, del 9 dicembre per entrare nelle prime due posizioni. Ci pensa Daka (5 gol totali nella coppa) dopo undici minuti a mettere la gara contro il Legia in discesa, ma è tutta la squadra a spingere forte per non correre pericoli. Al 20’ Maddison serve il raddoppio con una gran botta di sinistro sotto la traversa; al 26’ Schmeichel para addirittura un rigore, anche se Mladenovic è lesto a segnare sulla ribattuta. Ndidi ristabilisce le distanze con il tris delle Foxes. Finisce 3-1.

Classifica: Leicester 8, Spartak Mosca e Napoli 7, Legia 6.

Prossimo turno: Napoli-Leicester, Legia-Spartak Mosca.

Gruppo D

—  

Nel gruppo D si riapre tutto all’ultimo. Al 90’ Soares segna la rete della vittoria dell’Olympiacos contro il Fenerbahce (1-0), mentre negli stessi secondi (88’) Samatta segna il 2-1 che mette alle strette la capolista Francoforte, che poi fa il 2-2 a tempo scaduto con Paciencia. I tedeschi vanno in vantaggio con Kamada, 25enne giapponese, poi vengono ripresi da Nainggolan. Prima della beffa perché l’Anversa è comunque eliminato, mentre l’Eintracht rischia il secondo posto se dovesse perdere con il Fenerbahce.

Classifica: Francoforte 11, Olympiacos 9, Fenerbahce 5, Anversa 2.

Prossimo turno: Fenerbahce-Francoforte, Anversa-Olympiacos.

Gruppo E

—  

Successo fondamentale del Galatasaray, al primo posto del girone con tre punti in più della Lazio e lo scontro diretto a favore (1-0). Condizione per presentarsi all’Olimpico nel prossimo turno e difendere il passaggio agli ottavi anche con un pareggio: gli uomini di Sarri dovranno vincere per forza. I turchi si sbloccano al secondo tentativo. Prima la traversa di Diagne, poi sul possesso palla leggero del Marsiglia arriva la rete di Cicaldau. Raddoppio alla mezzora su autogol di Caleta-Car, con Cicaldau a infilarci ancora lo zampino. La festa, però, rischia di essere rovinata dai tifosi di casa che poco dopo lanciano oggetti dalla tribuna, calmati dai giocatori del Galatasaray. Soprattutto Muslera, ex Lazio e capitano della squadra. L’Olympique ha diverse occasioni, ma segnerà solo con Milik al 68’, dopo il tris di Feghouli. Reti anche per Babel e ancora Milik.

Classifica: Galatasaray 11, Lazio 8, Marsiglia 4, Lok. Mosca 2.

Prossimo turno: Lazio-Galatasaray, Marsiglia-Lok. Mosca

Gruppo F

—  

A sorpresa il Midtjylland supera la capolista Braga e rimette in discussione l’intero gruppo. Si deciderà tutto nelle prossime sfide tra i portoghesi e la Stella Rossa e Ludogorets-Midtjylland. I padroni di casa vanno subito in vantaggio con Sviatchenko, che segna sugli sviluppi di una rimessa laterale piombata direttamente in area e allungata da un compagno. Ricardo Horta fa 1-1 al 43’. Allora ci pensa il 20enne Isaksen, in gol al 48’ con un colpo di testa a due passi dalla porta, ma il Braga pareggia con Galeno. Sembra finita, invece a due minuti dalla fine il rigore di Evander rimette in gioco il Midtjylland. Nell’altra sfida del girone Ivanic mette a segno una rete pesantissima contro il Ludogorets, perché la Stella Rossa dell’ex Inter Stankovic adesso comanda il gruppo e affronterà l’ultimo turno della fase a gironi con un discreto vantaggio. Con almeno un pari contro il Braga, infatti, sarebbe certa di finire al secondo posto, che vale i playoff da testa di serie contro le terze classificate dei gruppi di Champions. Il Ludogorets, eliminato, sarà l’arbitro della contesa.

Classifica: Braga 9, Stella Rossa 7, Midtjylland 5, Ludogorets 1 (eliminato).

Prossimo turno: Braga-Stella Rossa, Ludogorets-Midtjylland

Gruppo G

—  

Incredibile rimonta del Leverkusen, che segna dall’82’ all’87’, prima pareggiando e poi infilando la rete del definitivo 3-2 contro il Celtic, qualificandosi così agli ottavi di finale. In gol Diaby, su assist di Wirtz che aveva servito anche Andrich (doppietta) per il vantaggio iniziale. Il Celtic l’aveva ribaltata con Juranovic (rigore) e Jota, fino al controsorpasso che condanna gli scozzesi al terzo posto. Giocheranno gli spareggi con le seconde classificate dei gironi di Conference. Il Betis batte 2-0 Ferencvaros: il Bello spunto di Joaquin (titolare a pochi giorni dall’annuncio dell’addio al calcio) per Bellerin che dalla destra serve Tello, anche lui ex Fiorentina. Nasce così il vantaggio del Betis, che raddoppia con il tiro a giro da fuori, di sinistro, di Canales. Spagnoli secondi grazie, anche, al successo del Leverkusen. Impossibile superare i tedeschi dopo il k.o. per 4-0 subito nello scorso turno.

Classifica: Leverkusen 13, Betis 10, Celtic 6, Ferencvaros 0.

Prossimo turno: Ferencvaros-Leverkusen, Celtic-Betis

Gruppo H

—  

Avvio aggressivo del West Ham a Vienna, contro il Rapid, che però trova il vantaggio soltanto al 39’ con un colpo di testa di Yarmolenko. Raddoppia Noble su rigore subito prima di rientrare nello spogliatoio. Ne esce una sfida dominata dagli inglesi, vinta 2-0, che vale il passaggio agli ottavi. I verdetti per secondo e terzo posto sono rimandati perché la Dinamo Zagabria, avanti al 35′ con Menalo, si fa rimontare da una sassata di Ugbo (1-1).

Classifica: West Ham 13, Dinamo Zagabria 7, Genk 5, Rapid Vienna 3.

Prossimo turno: West Ham-Dinamo Zagabria, Genk-Rapid Vienna.

Precedente Sarri: "Pedro è un giocatore fenomenale. Ora vogliamo il 1° posto" Successivo Conte amaro: “Prestazione scarsa, abbiamo tanto lavoro da fare”

Lascia un commento