Il Genoa, la salvezza passa dalla Juve. Ma i numeri fanno tremare Blessin

I bianconeri sono certi di un posto in Champions, i rossoblù hanno tre giornate per tentare l’impresa. I numeri però non sono favorevoli al Grifone

La Juve vola al Ferraris per sfidare il Genoa. I bianconeri sono già certi di un posto in Champions, i rossoblù hanno tre giornate per tentare l’impresa salvezza. Ora la squadra di Blessin è penultima con 25 punti, la Salernitana è a +1: il primo posto utile fuori dal baratro è del Cagliari con 28.

ULTIMI RISULTATI

—  

Il Genoa è reduce dalla sconfitta nel derby contro la Sampdoria: quarto k.o. in cinque partite. L’unico successo recente è arrivato contro il Cagliari. La Juve ha superato il Venezia lo scorso weekend bissando la vittoria col Sassuolo. Gli uomini di Allegri sono quarti con 69 punti, tra campionato e Coppa Italia hanno messo in fila cinque risultati utili consecutivi (4V, 1N). L’ultima sconfitta è arrivata contro l’Inter lo scorso 3 aprile.

I PRECEDENTI

—  

La Juve ha vinto le ultime cinque sfide di A contro il Genoa. Potrebbe arrivare a sei, la striscia più lunga è sette tra il ’57 e il ’60. Nella gara d’andata all’Allianz Stadium i bianconeri hanno tenuto la porta inviolata (2-0) e non riescono a bissare il clean sheet contro i rossoblù in A dal 2015/16 (2-0 all’andata, 1-0 al ritorno). Le due squadre non pareggiano al Ferraris in campionato dall’11 marzo 2012 (0-0, in panchina Marino e Conte): da quel momento tre successi rossoblù e sei bianconeri (inclusi i due più recenti). Una curiosità: nelle ultime sette sfide in A tra Genoa e Juventus, dal 2018/19 in avanti, la squadra rossoblù è stata guidata da sette allenatori diversi, con Blessin che diventerà l’ottavo nel periodo. L’unico ad aver trovato il successo contro i bianconeri nel parziale è stato Prandelli: il 17 marzo 2019, proprio al Ferraris.

LE STATISTICHE

—  

La squadra di Blessin ha il peggior attacco del campionato con 25 reti, una media di 0.7 a partita. Questo dato fa tremare il Genoa, perché solo in due stagioni nella sua storia il club ha tenuto una media più bassa (0.5 nel 1973/74 e 0.6 nel 1959/60) entrambe chiuse con la retrocessione. La Juve vanta un importante trend positivo: i bianconeri sono una delle tre formazioni nei top cinque campionati europei ad aver perso solo una partita da inizio dicembre a oggi, come Manchester City e Liverpool (13V, 6N).

Precedente Genoa, Policano: "Salvezza complicata, reset sul mercato in caso di B" Successivo Pagelle Roma: Smalling super, Zalewski vola

Lascia un commento