Il Flamengo accelera per l'”altro” Pedro: l’accordo c’è ma la Fiorentina dice no alle rate

Il club carioca è deciso a esercitare l’opzione di acquisto per l’attaccante brasiliano. C’è intesa sul prezzo del riscatto, di circa 14 milioni di euro. Ma i rossoneri vorrebbero dilazionare il pagamento

Pronti a tutto per Pedro, anche a un sacrifico particolarmente doloroso per le casse dissestate dalla pandemia. Il Flamengo è pazzo dell’attaccante giunto a febbraio in prestito dalla Fiorentina e, stando a quanto rimbalza dal Brasile, è pronto a rompere il salvadanaio. Diversi media verdeoro, a partire dall’autorevole Globoesporte, assicurano che la trattativa tra il club brasiliano e la dirigenza viola sia già in stato avanzato e che si stiano discutendo i dettagli. A Firenze, dunque, non ci sarebbe alcun ripensamento sul destino del 23enne attaccante tornato a segnare a raffica e fresco di convocazione in nazionale, con cui ha debuttato questa notte subentrando a Richarlison nell’ultimo quarto d’ora della sfida di qualificazioni mondiali vinta di misura contro il Venezuela.

O.k. il prezzo è giusto

—  

Secondo quanto assicura Globoesporte, il club carioca avrebbe rinunciato alla speranza di ottenere uno sconto sul prezzo d’acquisto pattuito al momento del prestito, che scade a fine dicembre. Il Flamengo avrebbe quindi accettato di pagare i 14 milioni richiesti dalla Fiorentina, mentre con il giocatore ci sarebbe già da tempo un accordo di massima per un contratto della durata di cinque anni. L’ultimo tassello che manca è l’intesa sulle modalità di pagamento: i brasiliani spingono per una rateizzazione, con l’intenzione di spalmare il costo del cartellino in sei rate semestrali. In questo senso, sempre stando alle indiscrezioni che giungono dal Brasile, il Flamengo conta molto sulla volontà del giocatore, che avrebbe già comunicato alla Fiorentina di voler restare a Rio. Nel frattempo, a Firenze si punta a strappare condizioni più favorevoli, ma c’è la volontà di chiudere la trattativa. Dunque nessuna retromarcia della dirigenza viola rispetto alle iniziali intenzioni di cedere l’attaccante nonostante lo strepitoso rendimento registrato in patria negli ultimi nove mesi. Il panorama non è mutato nemmeno dopo il cambio in panchina, con il passaggio da Iachini a Prandelli: la Fiorentina ha altri piani per l’attacco e con Pedro punta a fare cassa.

Precedente Sannino: "Su Dybala c'era l'Inter, ma Zamparini fu più veloce" Successivo Italia, il ct Mancini e Immobile non ci saranno con la Polonia

Lascia un commento