Il decalogo per Belfast. Grinta, idee, Vialli e… Così la Nazionale può raggiungere la Terra Promessa

Divertimento, cambi di gioco, testa fredda, senza dimenticare il rap… delle polpette! Così Mancini deve ritrovarsi per l’ultima battaglia con l’Italia del Nord

Leggerezza, pazienza, concentrazione, grinta, ma non solo. L’Italia di Mancini deve ritrovarsi per l’ultima battaglia, quella contro l’Irlanda del Nord. Ma guai ad avere paura. Domani sera dal tunnel del Winsdor Park spunteranno i campioni d’Europa, che siamo noi. Questo orgoglio ci deve dare forza. I legittimi sovrani d’Europa non possono mancare il Mondiale. E poi non è il momento di temere i fantasmi. L’Italia mai aveva vinto 10 partite su 10 in un girone di qualificazione, mai aveva messo in fila 37 partite utili. Il Mancio ha già scritto un pezzo di storia. E allora, punto per punto, ecco il decalogo, i 10 comandamenti da seguire a Belfast.

Precedente Allegri, il suo "corto muso" entra nella Treccani. Tutto iniziò dopo una batosta Successivo Spettacolo in arrivo nella sfida Armenia-Germania

Lascia un commento