Il dato di Dybala che cambia la Roma: c’è un numero che impressiona

ROMA – Goleador, assistman, leader. Una luce nel buio in grado di restituire un senso di sicurezza alla squadra e a tutto l’ambiente. Paulo Dybala è tutto questo per la Roma, ma soprattutto è una scommessa vinta dal club e da Mourinho già prima della fine del girone d’andata. L’argentino è l’elemento chiave della squadra per qualità, fantasia, personalità. Contro il Bologna, ma ancor prima nelle altre quindici partite disputate, la sua presenza è stata di fondamentale importanza non solo per le reti realizzate ma anche per la sicurezza che ha trasmesso ai suoi compagni di squadra, così come ai tifosi che accolgono ogni sua giocata e ogni suo ingresso in campo con una vera e propria esultanza. Non è un segreto che la Roma con Dybala in campo sia una cosa, e senza di lui sia un’altra. Ma non solo. C’è una squadra che senza di lui lascia punti mentre invece con la Joya in campo li raddoppia.

Dybala raddoppia

La dipendenza da Dybala si spiega con i numeri. Nelle dodici partite disputate dall’argentino in campionato oltre ai sette gol e le ventisette azioni create, sono arrivate otto vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta (Udinese). Nelle sei partite disputate senza di lui per infortunio la Roma è riuscita a portare a casa solamente due vittorie (Sampdoria e Verona), poi un pari (Sassuolo) e tre sconfitte (Napoli, Lazio e Atalanta). La sfortuna di Mourinho è non aver avuto a disposizione il suo miglior giocatore nei tre big match persi: con lui in campo – visti i ko di misura, tutti per 1-0 – forse il risultato sarebbe stato diverso e adesso la posizione in classifica sarebbe ancor più positiva.

Dybala, festa all'Olimpico da campione del mondo prima di Roma-Genoa

Guarda la gallery

Dybala, festa all’Olimpico da campione del mondo prima di Roma-Genoa

La media punti

Dybala raddoppia i numeri della Roma, a partire dalla media punti: 2,3 a partita con lui in campo, 1,2 invece durante la sua assenza. Un dato inequivocabile della sua importanza, e che spiega anche la dichiarazione di Mourinho post Fiorentina: «Dopo la vittoria del Mondiale ho chiesto a Paulo di tornare prima a Trigoria perché senza di lui sarebbe stato difficile vincere contro il Bologna». E ha avuto ragione Mou: proprio l’argentino ha procurato il calcio di rigore battuto da Pellegrini, decisivo per la vittoria contro gli emiliani. Raddoppia la media, ma non solo. La percentuale di gol a partita passa dallo 0,8% all’1,5% con Dybala in campo, così come le vittorie: da 33,3% a 66,7%. Dieci gol in sedici partite: per Dybala questa è la seconda miglior partenza in carriera dopo quella della stagione 2017/2018 quando aveva realizzato tredici reti nelle prime sedici presenze.

Leader

La Roma – che sta già cominciando a ragionare sull’opzione per annullare la clausola rescissoria e attivare il rinnovo – con lui in campo gioca un altro calcio. Per verticalizzazioni, rapidità, ma soprattutto sicurezza. Quella che Paulo sta trasmettendo ai suoi compagni che lo hanno consacrato – insieme a capitan Pellegrini – il leader della squadra: ha dato il merito della sua doppietta ad Abraham, ringraziandolo sui social e trasmettendogli sicurezza, poi ha dato forza a tanti giocatori e ha stretto un forte legame con lo spogliatoio dei giovani e dei senatori. «Dietro ogni top player c’è un centrocampista difensivo», ha scritto un divertito Matic. «Paulo, adesso mi devi due assist. Sei il mio partner», il post invece di Abraham. Con Viña ha un rapporto molto stretto, così come con Pellegrini e Wijnaldum. Insomma, tutti gli vogliono bene, e come non potrebbero. E tutti incrociano le dita sperando di non vederlo nuovamente fermo per un altro infortunio. Mourinho in primis, che vede in lui la grande possibilità di poter raggiungere a fine stagione la zona Champions. Insomma, Trigoria è ai suoi piedi. Perché la Roma è Dybala dipendente, questo è un dato di fatto. Ma non per forza deve essere considerato un difetto: quando ci sono giocatori di questa categoria, inevitabilmente tutte le squadre ne sono dipendenti. Paulo cambia la Roma, anzi, la raddoppia.

Dybala show!

Guarda il video

Dybala show!

Precedente Il Napoli presenta la nuova maglia per San Valentino: stasera il debutto Successivo Agnelli e la frase di addio che ha commosso i tifosi della Juve

Lascia un commento