Il City passa al 93′: Rodri ribalta l’Arsenal, festa per Guardiola

LONDRA (Inghilterra) – Il nuovo anno di Premier League si pare con il big match del 21° turno tra Arsenal e Manchester City. Quattro vittorie consecutive per i Gunners, dieci per i Citizens, il nuovo anno in Premier si apre con il duello tra allievo e maestro, tra Arteta (assente per covid) e Guardiola. Dopo un contatto dubbio in area di rigore tra Ederson e Odegaard, con il Var che non concede il penalty, la prima vera chance è sulla testa di Dias che anticipa l’uscita di Ramsdale accarezzando il palo. Alla mezz’ora però sono i padroni di casa a passare: cross dalla sinistra di Tierney per il sinistro di Saka che gonfia la rete. Prima dell’intervallo è Martinelli in due occasioni a sfiorare il raddoppio ed invece nella ripresa, al 66′, un’ingenuità di Xhaka su Bernardo Silva porta Mahrez sul dischetto che pesca l’angolo perfetto e rimette tutto in equilibrio. I Gunners si ributtano subito in avanti e vedono svanire il nuovo vantaggio con un salvataggio sulla linea di Akè, ma sul contropiede opposto Gabriel entra in maniera ruvida su Gabriel Jesus e riceve il secondo giallo. L’Arsenal nonostante l’inferiorità si difende bene, ma al 93′ crolla con il tap-in in area di Rodri che permette a Guardiola di consolidare il primato in questo primo appuntamento del 2022.

Guardiola e Phil Foden: "Non doveva dimostrare nulla"

Guarda il video

Guardiola e Phil Foden: “Non doveva dimostrare nulla”

Precedente Lazio, Luis Alberto freme: “Non vedo l’ora di tornare” Successivo Godin, in Italia è stato un fallimento: Inter e Cagliari, avventure da cancellare

Lascia un commento