Il Brescia non si ferma più: Bianchi beffa il Benevento all’ultimo respiro

In attesa della Reggina, gli uomini di Clotet volano a +3 in vetta alla classifica grazie alla quarta vittoria di fila. Decide il classe 2000 con un gol al 92′

L’immagine perfetta della partita è la corsa sfrenata di Flavio Bianchi al 92’, che scavalca i cartelloni pubblicitari e va ad abbracciare i tifosi sotto la Curva Nord. Il Brescia supera il Benevento in pieno recupero: decide il destro preciso e potente dell’attaccante classe 2000, alla terza rete stagionale. La squadra di Clotet non si ferma, conquista la quarta vittoria consecutiva e allunga sulla Reggina: primo posto solitario con 15 punti, almeno per una notte. Domani gli uomini di Inzaghi affrontano il Cittadella. Ci provano fino all’ultimo i sanniti a difendere il risultato, ma devono arrendersi nel recupero e così arriva la seconda sconfitta consecutiva dopo il k.o. col Cagliari.

Poche occasioni

—  

Buon ritmo nei primi minuti, ma le occasioni sono poche. Il Benevento ci prova al 6’ con Foulon che innesca Forte, il rimpallo favorisce Acampora: tiro deviato in angolo. Il centrocampista classe ’94 è ancora pericoloso, nell’azione successiva ci riprova e impegna Lezzerini costretto a respingere in bagher. La prima chance dei padroni di casa ce l’ha Moreo al 12’: colpo di testa largo. Letizia e il solito Acampora si danno da fare sulle fasce, corrono e provano a servire in mezzo Simy e Forte. Al 17’ Karacic trova in mezzo all’area Benali, l’ex Crotone è da solo ma non colpisce bene di testa. Al 29’ è Letizia con un gran tiro a costringere Lezzerini agli straordinari. Al 40’ Glik atterra in area Benali, proteste dei giocatori ma l’arbitro Gualtieri non concede il rigore. Prima dell’intervallo Karic è costretto a uscire per infortunio, al suo posto entra Koutsoupias.

Bianchi decisivo

—  

La prima occasione pericolosa del Brescia la crea al 49’ Moreo di testa, Veseli anticipa l’intervento del portiere e mette in angolo. Fino al 60’ la squadra di Clotet tiene palla e gestisce il gioco, ma ai padroni di casa manca l’ultimo passaggio. Addirittura, Paleari fa la sua prima parata al 64’: Ndoj crossa per Moreo, buono il colpo di testa e ottima la risposta del portiere. Brivido per i sanniti al 67’: contropiede di Galazzi, Paleari corre fuori dalla sua area ma l’attaccante tira rasoterra fuori. Animi tesi negli ultimi minuti: l’arbitro ammonisce Glik per un fallo, poi Acampora per proteste. Ndoj tira una buona punizione all’85, ancora Paleari respinge e difende il risultato. Il lampo che accende e decide la partita del Rigamonti arriva al 92’: Flavio Bianchi, entrato al 72’ al posto di Moreo, dal limite dell’area fa partire il destro che buca la porta avversaria. Tre punti fondamentali per la squadra di Clotet che guadagna il primo posto in classifica, aspettando la risposta della Reggina di Inzaghi.

Precedente Strefezza regala la prima vittoria al Lecce: il suo gol capolavoro stende la Salernitana Successivo Mancini e le esclusioni che fanno discutere: Calabria, Zaniolo, Perin, Buongiorno e...

Lascia un commento