Il Borussia Dortmund a Wembley? Terzic tira fuori la finale con la Juventus

Corsi e ricorsi? Dipende da quali. Edin Terzic, allenatore del Borussia Dortmund in procinto di sfidare il Psg al Parco dei Principi nel ritorno della semifinale di Champions League, non ha dubbi. Perché ci sono finali e finali. Letteralmente e in senso metaforico. A prescindere dalla qualificazione a quella che sarebbe la terza nella storia del club tedesco all’ultimo atto della più prestigiosa coppa per club in Europa. Terzic ha così rispolverato l’alamanacco della storia del calcio, dove c’è puntualmente la Juve, per spiegare che tipo di epilogo sogna dopo l’1-0 all’andata: “Sia nel 1997 sia nel 2013 la gara di ritorno è stata estremamente combattuta. Sarebbe ancora più bello se alla fine di questa stagione i paralleli con il 1997 fossero migliori rispetto al 2013”.

Terzic, corsi e ricorsi ricordando il Borussia Dortmund di Riedle e Ricken

Per chi non c’era o non ricorda: nel 1997 il Borussia Dortmund superò la Juventus in finale all’Olympiastadion dopo aver eliminato il Manchester United con un doppio 1-0, tarpando le ali del sogno a una squadra fantastica, allenata da Marcello Lippi, alla quale non bastò Del Piero per riaprire del tutto un match indirizzato dalla parte dei gialloneri della doppietta di Riedle e chiusa da Ricken. Non ci fu lieto fine nel 2013, invece, quando la Juve fu ancora per certi versi nel destino: gol di un certo Mandzukic, pari di Gundogan su rigore e sigillo finale di Robben. Derby tedesco al Bayern Monaco.

Psg-Borussia Dortmund, Terzic: “Nella gase a gironi ci è mancato coraggio”

Meglio restare concentrati sulla stretta attualità: “Nella fase a gironi non abbiamo giocato una buona gara a Parigi. A quel tempo non ci eravamo ancora parlati e stavamo cercando di capirci qualcosa. Abbiamo adottato un approccio difensivo. Abbiamo avuto molte conversazioni su come abbiamo giocato quel match. Prima della partita il piano sembrava abbastanza buono, ma l’esecuzione non è andata bene. Ci è mancato il coraggio. La scorsa settimana a Dortmund abbiamo dimostrato che il Psg si può affrontare in un modo completamente diverso”.

Terzic: “Il Psg ha una missione, noi un sogno”

La pressione sul Psg ripagando Luis Enrique con la stessa moneta: “Questo progetto è stato costruito qualche anno fa per vincere la Champions League. Hanno vinto il titolo nazionale. Adesso è la loro missione, ma abbiamo anche noi un sogno e vogliamo realizzarlo. Se necessario, domani correremo più di 20 chilometri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Orlando: "Milan, Zirkzee sarebbe la ciliegina sulla torta accanto a Leao" Successivo Napoli, il promemoria di De Laurentiis e Manna

Lascia un commento