Il Benfica spazza via il Bruges: 5-1! È ai quarti per il secondo anno di fila

Manita dopo il 2-0 dell’andata: doppietta di Gonçalo Ramos, partecipano alla festa Rafa Silva, Joao Mario e Neres

Joao Mario a dirigere l’orchestra, Gonçalo Ramos nelle vesti di frontman scatenato: l’esame Bruges è superato a pieni voti, adesso il Benfica si candida a diventare la sorpresa della Champions League. Nel ritorno degli ottavi di finale, la squadra di Schmidt (dopo il 2-0 in trasferta dell’andata) rifila altri cinque gol ai belgi e strappa un biglietto per i quarti per il secondo anno consecutivo. A Lisbona non c’è partita, al 45’ i portoghesi sono già avanti con due golazi di Rafa Silva e Ramos. Nella ripresa Gonçalo firma anche il tris, Joao Mario trasforma un rigore e Neres realizza il 5-0 prima del gol della bandiera di Meijer. Per il Benfica sono 13 risultati utili consecutivi. In campionato è a +8 sul Porto, in Champions non ha mai perso: 6 vittorie e 2 pareggi, entrambi contro il Paris Saint-Germain.

LA PARTITA

—  

Il 2023 del Bruges, invece, è iniziato male e… proseguito peggio: appena due successi conquistati nel 2023. Il ritorno degli ottavi rappresentava l’opportunità per ribaltare la stagione, ma la storia del match sembra scritta dopo appena un minuto di gioco: Joao Mario timbra l’1-0 con un colpo di tacco al volo, il Var annulla tutto per fuorigioco di Ramos. I belgi tirano un sospiro di sollievo, ma la debacle è dietro l’angolo. L’ex interista si piazza sulla trequarti e detta i tempi d’inserimento dei compagni, Ramos e Rafa Silva si scambiano le posizioni e il Bruges non riesce a prendere le misure. Al 15’ Florentino si mangia un gol che sembrava già fatto, al 19’ Meijer respinge sulla linea di porta un tiro di Joao Mario. Il match si sblocca poco prima dell’intervallo: Ramos va da Silva al centro dell’area, il 29enne controlla, si smarca e la piazza d’esterno all’angolino. La botta di grazia arriva nel recupero con una magia di Gonçalo Ramos, che riceve nello stretto, dribbla tre avversari e incrocia di potenza.

GOLEADA

—  

Nella ripresa, gli spunti offensivi del Bruges sono praticamente nulli, mentre il Benfica è una macchina da gol che spinge fino all’ultimo minuto. Al 57’ Ramos trova la doppietta personale (e il 23esimo centro stagionale) con una girata di mancino su cross di Grimaldo. Al 70’ Sylla atterra Gilberto in area, Joao Mario si presenta sul dischetto e spiazza Mignolet: 4-0. Al 75’ Schmdit manda in campo il 18enne Neves, che dopo due minuti serve a Neres il pallone del 5-0. Allo scadere Meijer segna il 5-1: il Bruges lascia il campo esausto, il Benfica aggiunge un’altra serata da sogno a un’annata praticamente perfetta. Unica nota negativa, l’ammonizione di Otamendi per un fallo su Lang: l’argentino era diffidato e salterà i quarti di finale.

Precedente Napoli, che sorpresa per Di Lorenzo: è successo dopo l'allenamento Successivo Champions, il Chelsea ribalta il Dortmund: è ai quarti. Manita Benfica al Bruges

Lascia un commento