Il Bayern maltratta il Barça al Camp Nou. Segna Lukaku, il Chelsea soffre ma batte lo Zenit

Comodo 3-0 dei bavaresi con doppietta di Lewandowski, l’ex Inter firma l’1-0 dei Blues

Dopo le due partite giocate nel tardo pomeriggio, si sono disputate le altre sei sfide in programma. Vediamo com’è andata nelle partite che non coinvolgevano le squadre italiane.

BARCELLONA-BAYERN 0-3 (gruppo E)

—  

Il fantasma di quell’umiliante 2-8 con cui i tedeschi devastarono i blaugrana non si materializza nuovamente, ma la prima partita del girone conferma che al momento c’è un abisso tra le due squadre. Bavaresi anche fortunati nell’episodio che indirizza la partita al 34′, col destro da fuori di Mueller che trova la deviazione decisiva di Eric Garcia. Il Barça fatica a costruire (zero tiri in porta in tutta la partita!) e nella ripresa raddoppia Lewandowski dopo che la conclusione del baby talento Musiala aveva trovato il palo. All’85’ arriva anche il tris, ad opera del solito Lewandowski.

DINAMO KIEV-BENFICA 0-0 (gruppo E)

—  

Sono gli ospiti che fanno la partita, mantenendo il possesso palla e tirando di più in porta, ma senza grande incisività. Ucraini più pericolosi in avvio con la bella punizione di Shaparenko, ben parata dal portiere greco Vlachodimos, e che poi hanno giocato una partita più difensiva. Ma gli ultimi brividi, in pieno recupero, li firma ancora Shaparenko. Prima il suo destro che sbatte sull’incrocio dei pali, poi la Var gli cancella un gol viziato da un fuorigioco all’ultimo secondo.

CHELSEA-ZENIT 1-0 (gruppo H)

—  

Una delle partite che sulla carta sembrava più scontata resta aperta fino alla fine e bloccata per più di un’ora. La risolve il solito Lukaku, che al 69′ vola in cielo sul bel cross di Azpilicueta, ruba il tempo a Chistyakov e batte Kritsyuk. Ma lo Zenit è vivo fino alla fine, col veterano Dzyuba che sciupa la palla del possibile pareggio.

LILLA-WOLFSBURG 0-0 (gruppo G

—  

Il Lilla arrivava abbastanza male a questa partita, a differenza di un Wolfsburg a punteggio pieno in Bundesliga. Ma sono stati i francesi a sfiorare la vittoria, anche perché i tedeschi hanno giocato l’ultima mezz’ora in dieci per il doppio giallo a Brooks. Var protagonista anche qui: prima ha cancellato il gol di Jonathan David (la palla era uscita in fallo laterale a inizio azione), poi all’ultimo secondo ha trasformato un rigore per i francesi in un calcio di punizione dal limite.

Precedente Allegri: "Grande pressione, bisogna distinguere il risultato dalla prestazione" Successivo Dybala c’è: “Il gol aiuta per la testa. Il rinnovo? Speriamo in un bel finale...”

Lascia un commento