Ibra al mondiale, lo sponsor arriva da… Forsberg: “Giocatore fantastico”

Il numero dieci della Svezia ha parlato dell’attaccante del Milan e dei prossimi mondiali che si giocheranno in Qatar

Non finisce mai di stupire. Zlatan Ibrahimovic non invecchia, se non sulla carta, ma allo svedese non piace parlare della sua età, perché è solo un numero e nonostante la carta d’identità è ancora assolutamente fondamentale. Sposta gli equilibri l’attaccante del Milan e proprio per questo Stefano Pioli studia vicino i suoi progressi. A giungo si è fermato di nuovo un problema al ginocchio e conseguente operazione chirurgica, che gli hanno fatto saltare gli Europei. Un appuntamento che si era conquistato a suon di goal e buone prestazioni in Serie A. Un appuntamento mancato che sicuro brucia vista la competitività e le ambizioni del calciatore, fuori dal comune così come il suo carattere e la sua volontà. Nulla è perduto però,perché alle porte ci sono i Mondiali, che si giocherà in Qatar nel 2022. Una competizione atipica, perché per la prima volta si giocheranno d’inverno e non in estate.

E proprio di Ibrahimovic, del Mondiale, della Svezia e della sua possibile partecipazione al competizione ha parlato Emil Forsberg, centrocampista del Lipsia e numero 10 e stella nazionale gialloblù. Ecco che cosa ha detto ai microfoni dell’emittente tedesca SportBuzzer.

Ibrahimovic? Tutte le squadre giocano bene con lui. L’europeo? Sarò sincero, mi è dispiaciuto non averlo con noi, con la Svezia. Sono sicuro però che giocherà il prossimo Mondiale. Per il Milan nonostante l’età è un giocatore fondamentale, è un uomo dalle grandi partite e farà ancora bene, ne sono certo. E’ un calciatore fantastico, così come la sua carriera“.

Suda e freme dalla voglia di tornare a giocare, per trascinare i suoi sul campo. Zlatan Ibrahimovic vuole dare ancora molto al Milan, e nonostante sia un campione e non abbia nulla da dimostrare, la punta rossonera continua a lottare e vincere in campo. Alla costante ricerca della condizione perfetta, si divide tra campo e palestra, persino nei giorni in cui avrebbe potuto riposare. Zlatan ha in testa solo una cosa, una data: lunedì 23 agosto, giorno del debutto dei rossoneri in campionato sul campo della Sampdoria. È una corsa contro il tempo e il Milan, ovviamente, non ha intenzione di rischiare. Ibrahimovic, comunque, ci proverà. Anzi, farà di tutto per esserci a Marassi.

Precedente Elio Vito "Fognini omofobo, ddl Zan necessario"/ Ira Adinolfi "Vogliono le manette!" Successivo Djokovic, c'è Zverev verso la finale: chi perderà il primo set a Tokyo?