I prestiti, i giovani, i 71 milioni, l’inchiesta: cos’è successo nell’affare Osimhen

Il Lilla ha corrisposto circa 20 milioni per acquistare tre giocatori – Luigi Liguori, Claudio Manzi e Ciro Palmieri – e poi girarli subito in prestito in squadre di Serie C e D

Salvatore Malfitano

19 gennaio – 15:30 – napoli

L’inchiesta dei pm è conclusa: Aurelio De Laurentiis rischia di andare a processo (l’accusa sarebbe falso in bilancio) e con lui alcuni membri della dirigenza in carica all’epoca dei fatti. Al centro dell’indagine c’è il trasferimento di Victor Osimhen, prelevato dal Lilla nell’estate 2020.

scenari

—  

Tutto nasce dall’operazione messa in piedi dai due club tre anni fa. Gli azzurri hanno versato 71 milioni di euro per il nigeriano alla società francese, che a sua volta ne ha corrisposti circa 20 per i cartellini di tre giovani – Luigi Liguori, Claudio Manzi e Ciro Palmieri – e quello di Orestis Karnezis. Queste compravendite, insieme ad altre 62 trattative concluse, sono state oggetto di segnalazione da parte della Covisoc alla Procura federale: da qui ha avuto inizio l’inchiesta sulle plusvalenze fittizie, perché ai tre prodotti del vivaio del Napoli in effetti non è stato attribuito secondo gli inquirenti un reale valore di mercato. Nessuno dei tre calciatori è andato in Francia, hanno firmato i contratti a Castel Volturno e sono stati subito dopo girati in prestito a squadre di Serie C e D, perdendosi poi anche in categorie inferiori. Un modus operandi che, oltre ad aver contrariato gli stessi atleti, ha finito per accendere una spia agli occhi degli organi sia della giustizia sportiva che di quella ordinaria. Emblematiche, sotto il primo profilo, le dichiarazioni di Palmieri in un’intervista: “Questa situazione ha pesato sulla mia carriera e mi fa rabbia. Abbiamo scoperto che non era un’operazione per il nostro futuro. Era per altro”. Per quanto riguarda il procedimento federale, nell’aprile 2022 il Tribunale della Figc il Napoli, essenzialmente perché – a differenza della Juventus – non è riscontrato un vero e proprio sistema, quanto l’occasionalità di questo tipo di operazione. Infatti è solo nei confronti dei bianconeri che è stato riaperto il caso dopo l’inchiesta Prisma. Tuttavia, sul piano della giustizia ordinaria il discorso è proseguito alla Procura di Napoli.

documenti

—  

I pm Vincenzo Piscitelli e Francesco De Falco riscontrano un’operazione in parte “oggettivamente inesistente per l’importo di 21,2 milioni e plusvalenze fittizie per 19,9 milioni”. Questo conduce al sequestro di diversi documenti, condotto dalla Guardia di Finanza, sia nella sede del club a Castel Volturno sia negli uffici della Filmauro a Roma. La decisione è dovuta da un’altra indagine, condotta dalla Giurisdizione Interregionale francese e originata da una denuncia contro ignoti presentata nell’ottobre 2021 dalla nuova proprietà del Lilla per delle presunte irregolarità finanziarie. In pratica, si doveva comprendere se l’ex proprietario della squadra francese, Gerard Lopez, si fosse indebitamente appropriato dell’incasso della cessione di Osimhen. La Procura di Napoli quindi richiede all’inizio dell’anno sei mesi di proroga per acquisire ulteriori elementi. Per questo ad aprile la Guardia di Finanza entra in possesso della documentazione relativa a Claudio Manzi per il suo passaggio alla Turris, un anno dopo la firma col Lilla: il giocatore in un primo momento va in prestito alla Fermana, il Lilla poi lo svincola e firma con la squadra di Torre del Greco. Ultimati tutti gli accertamenti del caso, la Procura napoletana ha trasmesso quanto raccolto alla corrispettiva sede di Roma, dove ad agosto è stata spostata l’indagine perché è nella Capitale che era stato approvato il bilancio del Napoli. L’ultimo risvolto, risalente allo scorso settembre, è stato l’iscrizione di Aurelio De Laurentiis nel registro degli indagati della Procura di Roma con l’accusa di falso in bilancio. Un atto quasi fisiologico, dopo che i pubblici ministeri di Napoli hanno trasmesso gli atti. Ma che ora potrebbe portare a sviluppi legali da seguire con la massima attenzione.

Precedente Inter-Lazio 3-0, le pagelle biancocelesti: Immobile in rodaggio, male Pedro Successivo Indisponibili Serie A: infortunati e squalificati per la 21ª giornata