I cani, il fisico bestiale, la mamma: tutti i segreti del nuovo Sanchez

L’Inter ha ritrovato un protagonista per i grandi appuntamenti e Inzaghi un’arma in più per la volata scudetto. Ecco come Alexis è tornato Maravilla

Le radici / Ha ricostruito Tocopilla ferita dal terremoto

Nessuno è profeta in patria, o quasi. Perché nel caso di Alexis Sanchez si potrebbe parlare di una felicissima eccezione: in Cile il Niño viene visto quasi come un dio dai suoi connazionali, mentre è l’orgoglio indiscusso dei suoi concittadini. Per quello che ha saputo fare con la nazionale Roja, ovvio, ma soprattutto per come ha saputo prendersi cura della sua Tocopilla, città natale di 25 mila abitanti che ha deciso anche di intitolargli una via qualche anno fa, dopo un referendum cittadino. Sulla strada c’è un murale enorme, con un’esultanza di Alexis con la maglia del Cile e accanto tutte le maglie dei club in cui ha giocato. La storia di Alexis è da libro cuore: quando nel 2007 la città fu colpita e segnata dal terremoto, Alexis fu tra i primi a mettersi a disposizione per offrire sostegno alle cinquemila persone che avevano perso casa e per la ricostruzione delle zone più colpite. Il suo intervento è stato fondamentale per la realizzazione di alcuni progetti, come la costruzione di due scuole e di campi da calcio, o la ristrutturazione degli ospedali e degli edifici messi peggio.

Gli amici inseparabili / Atom e Humber sempre con lui. E su Instagram…

Non c’è posto al mondo dove potrete incontrare Alexis Sanchez senza i suoi cani. Attualmente a Milano ne ha quattro, ma due di loro sono davvero speciale. Sono i Golden Retriever che Alexis si porta dietro dai tempi dell’Arsenal e per i quali ha anche deciso di aprire un personale profilo Instagram che vanta oltre 180 mila followers. Atom e Humber sono come figli e con loro ama passare il tempo libero, per giocare in giardino o fare corse e passeggiate nei parchi. Ovviamente i due cani sono sempre con lui, anche in vacanza, anche quando gioca: già perché Alexis indossa scarpini speciale, dove ha fatto incidere i nomi dei suoi amici a quattro zampe. I tifosi nel Manchester United, in passato, nel momento peggiore della sua esperienza ai Red Davils avevano cominciato ad attaccarlo e prenderlo in giro sui social proprio per questo amore morboso verso i due amici a quattro zampe. Che oggi si godono l’enorme giardino della villa sul lago di Como dove Alexis ha deciso di andare a vivere dopo il trasferimento all’Inter.

Cura del corpo / Che passione per la palestra e la carne bianca

Alexis è un patito dell’allenamento. Un “fissato” per la cura del suo corpo. Non ha tatuaggi e già questa cosa è una cosa unica nel mondo contemporaneo. E poi ama allenarsi, tra corse e passeggiate in mezzo al verde e lunghe sedute in palestra, dove spesso rimane anche da solo dopo gli allenamenti, per sessioni extra su forza e resistenza. Dal tapis roulant alla panca, passando per i pesi e per gli attrezzi: non c’è giorno in cui Sanchez non trovi il tempo per la cura del suo corpo. Neanche in vacanza, dove aggiunge alla palestra diverse ripetute di nuoto in piscina. Ovviamente, anche l’alimentazione viene curata in maniera maniacale: in gioventù amava la carne rossa, oggi preferisce la bianca, accompagnata dal vino rosso o dal mate.

La vita privata / Modelle e tabloid ora sono lontani. C’è solo la madre

Allo stato attuale, Alexis Sanchez è uno scapolone di lusso. Tante donne sono entrate nella sua vita, ma nessuna ha saputo lasciare davvero il segno. Forse è anche per questo che ha deciso di prendere casa in un luogo tranquillo, più pensato per il benessere dei suoi cani – la villa sul lago è dotata di un enorme giardino – che per una vita di coppia. Negli anni diverse donne sono entrate e uscite dalla vita di Alexis, che tra modelle e qualche scandalo da tabloid ha fatto parlare di sé. Ora Alexis ha deciso di starsene un po’ da solo e di godersi il più possibile il grande amore della vita: mamma Martina. La signora Martina è il vero segreto del successo di Alexis, che prima di prendere una decisione importante ha bisogno dell’okay materno. Mamma Martina è stato il centro del mondo di Alexis sin da quando era bambino, visto che è stato abbandonato da piccolo insieme alla due sorelle dal papà biologico. La figura maschile più importante allora resta zio José, una sorta di padre putativo per l’ormai ex Niño Maravilla.

Nello spogliatoio / Anima la Banda. Il suo gol regalo da 500.000 euro

Lo spogliatoio dell’Inter ha sempre avuto al suo interno un’anima forte sudamericana e quella di Simone Inzaghi non si differenzia certo da quelle del passato. La “banda” nerazzurra ha in Alexis Sanchez uno dei suoi capi tribù, insieme all’amico e inseparabile connazionale Arturo Vidal. I due sono quasi fratelli, hanno condiviso la prima vittoria con il Colo Colo a inizio e le ultime due feste in Italia, in maglia nerazzurra. Ma non c’è solo Vidal nelle grazie di Sanchez: Alexis è legatissimo anche a Lautaro Martinez, con cui ama brevettare nuove esultanze. Curioso che poi spesso sia proprio il Toro il giocatore con cui entra in ballottaggio per una maglia da titolare e dunque sia anche per via di Lautaro che Alexis oggi si sente “un leone in gabbia”. Una gabbia dorata, ancor di più dopo il successo della Supercoppa che ha portato al premio promesso dal presidente Zhang: il gol all’ultimo respiro contro la Juventus di Sanchez è valso al gruppo nerazzurro un bonus di 500 mila euro. Festa doppia, per tutti.

Precedente Pronostici Serie A/ Quote e previsioni sulle partite della 22^ giornata Successivo Pizzul: "Il Napoli doveva aggredire la Fiorentina. Situazione difficile"

Lascia un commento