Hysaj canta Bella Ciao per presentarsi alla Lazio: sarebbe stato quasi meglio “Grazie Roma”…

Hysaj canta Bella Ciao per presentarsi alla Lazio. Lui è il nuovo terzino della squadra di Sarri. Un fedelissimo di Sarri, che l’ha già allenato a Napoli. Forse non sa, essendo albanese, che Bella Ciao è la canzone simbolo della resistena partigiana. Può non saperlo: l’importante è che sappia fare le diagonali, non che conosca la storia contemporanea d’Italia.

Certo è che fa sorridere che abbia scelto proprio questa canzone per farsi conoscere dai suoi nuovi tifosi. Tifosi che, al netto delle generalizzazioni, non sono famosi per simpatie antifasciste. Vedi il braccio teso di Di Canio dopo un vecchio derby. 

Ma il nostro Hysaj no, non aveva proprio l’intenzione di disturbare i nostalgici del Ventennio. Quelli che gli hanno scritto “magari ti spezzi una gamba” o cose del genere. No, lui, semplicemente, ha scelto la canzone simbolo della Casa di Carta. Come tanti ragazzini che oggi ascoltano la versione remixata di Bella Ciao, la “canzone della Casa di Carta”. Anche loro non sanno, anche se magari avrebbero dovuto studiarlo a scuola. 

Hysaj parte col piede sbagliato. Forse, per qualcuno dei suoi nuovi tifosi, sarebbe stato persino meglio se avesse cantato “Grazie Roma”…

[embedded content]

Precedente Spezia, buone notizie dal nuovo giro tamponi: tutti negativi sia per giocatori che per staff Successivo Cashback Heinz: prova 3 sale e 1 gratis

Lascia un commento