Huijsen spiega la scelta Roma: “Se ti chiama Mou, come fai a dirgli di no?”

Nella prima intervista da giocatore giallorosso, il difensore olandese esalta il suo nuovo tecnico e i compagni: “Da loro potrò imparare moltissimo

Emanuele Zotti

6 gennaio – 21:00 – ROMA

Una scelta “Special”. Nella prima intervista da romanista rilasciata da Dean Huijsen, il difensore infatti spiega senza troppi fronzoli come la scelta di accettare il trasferimento nel club dei Friedkin – a meno di nuovi accordi a fine giugno farà rientro alla Juventus – sia dipesa soprattutto dalla presenza dello Special One: “È una grande società, con grandi giocatori e un grande allenatore. Spero di poter arrivare con la squadra fino in fondo in Europa League quest’anno. Poi se ti chiama Mourinho penso che la scelta sia più facile”. Anche quando gli viene domandato sull’importanza di avere un talento come Dybala in squadra, la testa dell’olandese torna sempre a Mou: “Ho già parlato con Mourinho e mi sono trovato subito bene. I giocatori sono tutti forti, giocando con loro in allenamento imparerò tanto. Spero di crescere tanto e di fare il meglio possibile”.

ATTESA OLIMPICO

—  

Il contatto più significativo durante il primo allenamento a Trigoria invece è stato quello col capitano Lorenzo Pellegrini, sempre pronto ad accogliere i nuovi arrivati nella famiglia giallorossa: “Lorenzo ha scherzato con me, dicendo che ho portato la pioggia da Torino a Roma. A parte questo, mi ha chiesto se fossi pronto e ho risposto che lo sono”. Nessun dubbio invece sugli obiettivi personali che spera di raggiungere, nel frattempo Dean è pronto a vivere la prima gara da protagonista all’Olimpico: “Sì, sono molto curioso di vivere l’atmosfera dello stadio, vedremo domani. Spero di giocare il più possibile e di vincere qualche trofeo qui. Al momento posso dire di essere molto felice, dal mio arrivo all’aeroporto i tifosi mi hanno accolto bene”.

Precedente Ok Atalanta U23 e Casertana, pari per Vicenza e Carrarese Successivo CR7 invitato, Cannavaro, Del Piero e Vieri in tribuna e Var Room a Riad: tutto sulla Supercoppa Italiana