Haaland, l’autografo al guardalinee sarà destinato a una buona causa…

Il campione del Borussia Dortmund aveva lasciato un ricordo all’assistente dell’arbitro dopo match di Champions League

Un gesto che aveva molto colpito. L’autografo lasciato nel tunnel degli spogliatoi dopo la gara tra Manchester City e Borussia Dortmund dal bomber Erling Haaland al guardalinee su sua espressa richiesta. Guardiola aveva sorriso e l’aveva presa con filosofia, ma in tanto avevano storto il naso. Eppure, dietro quella richiesta di Octavian Sovre, assistente dell’arbitro nel match di Champions League, si nasconde una bellissima causa.

Come si apprende dal giornalista rumneo Emanuel Rosu e da gsp.ro, infatti, la corsa del guardalinee per chiedere l’autografo ad Haaland aveva uno scopo superiore, ovvero realizzare un’asta di beneficenza per aìutare le persone più sfortunate, ed in particolare coloro che soffrono di autismo o che hanno a che fare con persone affette da questa sindrome.

Sui social la notizia è diventata virale in queste ore. Un altro bel gesto da parte del mondo del calcio, dopo anche quello relativo alla fascia da capitano col Portogallo di Cristiano Ronaldo, messa in vendita al fine di raccogliere fondi per un piccolo bambino che necessita delle cure molto costose.

Precedente Lazio, dopo Simone Inzaghi ecco il rinnovo di un anno per Radu Successivo Inter, la media punti fa paura: nessuno regge il passo nei grandi campionati europei

Lascia un commento