Guler, retroscena mercato: la richiesta al Real per far felice il Fenerbahce

“Mi hanno offerto un progetto a lungo termine e la possibilità di essere l’erede di Modric”. Un modo sicuramente importante per convincere Arda Guler a firmare per il Real Madrid. I blancos si sono assicurati il classe 2005 turco nell’estate scorsa ed è lui stesso a spiegare i motivi e i modi con cui club l’ha convinto. Difficile dire di no quando chiama un club di questa importanza, nonostante sul ragazzo ci fossero tantissimi altre squadre europee: “Potevo anche rimanere un altro anno al Fenerbahce, ma volevo mostrare al mondo cosa poteva fare un turco in Europa” ha sottolineato il centrocampista turco a Kafa Sports, a pochissime ore dalla semifinale di Champions contro il Bayern Monaco

Guler, Real Madrid e la richiesta

Arda Guler ha parlato ai media della Turchia dei suoi primi mesi al Real Madrid: “Qui c’è tantissima pressione perché i tifosi non accettano la sconfitta. Il club deve vincere”. Poi su Ancelotti: “Parla costantemente dei suoi piani, mi prepara ed è in costante comunicazione con me e la squadra”. Sui giocatori con cui ha stretto amicizia: “Passo molto tempo con Alaba, Rudiger, Valverde o Brahim. E ricevo tantissimi consigli da Kroos e Modric”.

Il classe 2005 ha realizzato il suo sogno di bambino “quello di giocare per il Real Madrid” e nell’ultimo turno di Liga ha segnato un gol vittoria importante contro la Real Sociedad. Oltre a questo poi ha spiegato anche un retroscena di mercato relativo all’estate scorsa: “Chiunque pagasse 17,5 milioni di euro poteva comprarmi. Io e la mia famiglia abbiamo chiesto a Madrid di pagare un po’ di più. L’hanno capito e hanno accettato”. Le cifre ufficiali del suo passaggio ai blancos sono state queste: 20 milioni più 10 di bonus e un 20% a favore del Fenerbahce sulla futura rivendita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Juve, risparmiare per investire: il piano sul mercato per sfidare l’Inter Successivo Sinner ha battuto a Madrid in due set (6-3,7-5) il russo Kotov e il dolore all’anca

Lascia un commento