Güler, il Napoli si muove in Turchia

Il Fenerbahçe ha un direttore sportivo portoghese. Si chiama Mario Branco, ha lavorato in passato nell’Hajduk Spalato, nel Famalicão, nella Steaua Bucarest e nel Paok Salonicco. Ogni mossa di mercato ruota intorno a questo manager, entrato – nell’estate del 2020 – anche nei pensieri della Roma, prima di Tiago Pinto. Dipenderà da Branco la possibile trattativa tra il turco Arda Güler e il Napoli: trequartista, diciassette anni, mancino, due gol in Süper Lig e uno in Europa League con il Fenerbahçe, allenato da Jorge Jesus, il tecnico di Amadora che ha vinto tre campionati con il Benfica e la Coppa Libertadores e la Recopa Sudamericana con il Flamengo.

LE MANOVRE DEL NAPOLIGiuntoli sta seguendo Güler da diversi mesi. E’ stato il primo a entrare in azione, guadagnando un po’ di vantaggio sulla concorrenza, che adesso è aumentata: anche il Paris Saint Germain e il Tottenham sono rimasti colpiti dalla brillante evoluzione di questa mezzapunta, un metro e 76, che si muove nel ruolo di rifinitore classico, oppure da esterno nel 4-3-3 e nel 4-2-3-1. In ventuno minuti, nella seconda giornata di campionato, sul campo del Kasimpasa, ha firmato una doppietta. E anche in Europa League ha chiuso la fase a gironi segnando un gol e costruendone un altro nella sfida vinta in casa della Dinamo Kiev.

IL PREZZO – E’ nato ad Ankara il 25 febbraio del 2005 e costa intorno ai dieci milioni. I ragionamenti del Napoli sono in prospettiva: Giuntoli sta provando a strappare un diritto di opzione per esercitarlo nella prossima estate, eludendo così il rischio di giochi al rialzo, meccanismo che aprirebbe una corsia preferenziale al Psg e al Tottenham. Güler ha un sinistro favoloso, come racconta nelle interviste Jorge Jesus, che però sottolinea anche l’equilibrio, la serietà e lo spessore di questo ragazzo, pronto a indossare la maglia numero dieci senza farsi schiacciare dalle responsabilità.

LA PROMESSA – Ha un contratto fino al 2025. Viene considerato il talento più promettente del calcio turco: nel campionato Under 19 si era messo in luce con undici gol e dieci assist in ventisette partite. Il passaggio dal calcio giovanile a quello professionistico lo sta vivendo con la normalità tipica dei predestinati. Il Fenerbahçe prende tempo, non ha ancora dato una risposta, ha capito che possono crearsi le basi per un’asta: quello che vuole evitare il Napoli.


Precedente Ancelotti, sgarbo a Gattuso: il Real batte il Valencia ai rigori. E' in finale di Supercoppa Successivo Ascoli, procede lo scambio Buchel-Proia con la SPAL. A inizio settimana la fumata bianca

Lascia un commento