Gol, visione, integrità fisica: ecco perché la Juve ha scelto Gatti, difensore-goleador

Centrale rivelazione della Serie B, numericamente va a colmare il buco lasciato da Demiral, in attesa di conoscere meglio il futuro di Chiellini. Intanto i numeri di quest’anno sono da futuro top

Alla Juve piacciono le favole, ma soprattutto guardano alla sostanza. La storia dell’ex falegname ed ex juventino Moreno Torricelli docet, ora i fari si sono spostati su Federico Gatti, classe 1998, ex muratore ed ex serramentista scelto in gennaio per rinforzare la difesa dalla prossima stagione in poi. Da ragazzino giocava in attacco, in camera aveva appesi i poster di Gerrard e Lampard, cinque anni fa giocava in Promozione. E ora il suo ruolo è quello di difensore centrale. Con Allegri che lo ha già pubblicamente “promosso” parlando di lui recentemente: “E’ il migliore difensore della serie B e ha caratteristiche che in futuro gli possono permettere di stare alla Juve”.

La vita precedente

—  

In casa sua la famiglia tifa Torino. Si alzava alle 4 per andare a lavorare al mercato, alla sera giocava a calcio: anni in cui il ragazzo si è temprato, forgiandosi sullo stampo del sacrificio e di una feroce determinazione. E alla fine quella “fame” l’ha portato, alla prima occasione e in poco più di 6 mesi, a diventare il giocatore rivelazione della serie B e a porre una firma che gli svolterà la vita, quella sul contratto che lo legherà alla Juve fino al 2026, lui che, abbandonati gli studi, si era detto disposto ad andare persino “in America o a Malta pur di continuare a coltivare il sogno di diventare calciatore”.

Il nuovo Chiellini?

—  

Numericamente ha preso il posto di Demiral, in attesa di sapere quella che sarà la decisione di Chiellini a fine stagione. E intanto costruisce preziosa esperienza (finora ha disputato 2.396 minuti) sui campi della serie B, continuando ad indossare la maglia del Frosinone fino a giugno: la sua squadra ora è settima, a 8 punti dalla coppia capolista formata da Cremonese e Lecce. Il suo contributo è di assoluto rilievo: impiegato 26 volte in campionato sempre da titolare e una in coppa Italia, ha già sfornato 4 gol e un assist in campionato. Le sue reti sono valse 9 punti, grazie alle vittorie con Ascoli, Spal (doppietta) e Vicenza. Squalificato contro il Monza, non ha saltato alcun match causa infortunio. Un buon destro, visione e personalità non gli mancano. Tanto che i paragoni con Chiellini non si sono fatti attendere…

Precedente Dybala-Juve, cos’è cambiato: i motivi che allontanano Paulo da Torino Successivo Parma-Cittadella, piace la "X o Goal"

Lascia un commento