Gli arabi all’assalto anche del Napoli: maxi offerte per Lozano e Lobotka

Al Ahly e Al Nassr si fanno sotto: 10 milioni a stagione e 30 di cartellino al club azzurro, che apre alla cessione del Chucky. Muro per lo slovacco, imprescindibile per il gioco di Garcia

Maurizio Nicita @ manici50

23 giugno – Napoli

Che i gioielli del Napoli potessero far gola sul mercato non è una sorpresa, vista l’eccellente stagione della squadra di Luciano Spalletti, conclusa con la vittoria di un meritatissimo scudetto. A sorprendere è il mittente saudita di queste proposte. Al momento nei radar di alcuni club arabi di quel Paese sono entrati Hirving Lozano e Stanislav Lobotka. Un assalto a suon di milioni, capace di far girare la testa a qualsiasi giocatore e non è un caso che da quelle parti siano finiti diversi Palloni d’oro, da Cristiano Ronaldo a Benzema. 

Atteggiamento diversoÈ quello del Napoli, disponibile a discutere della cessione di Lozano, ma che fa muro su Lobotka, che ha appena rinnovato il suo contratto fino al 2027 con opzione al 2028. Il messicano, che ha cambiato agente, appare interessato alle proposte di intermediari che lavorano con più club sauditi e portano un’offerta da 10 milioni netti per l’attaccante che al Napoli ha un contratto fino al 2024 da 4,5 milioni a stagione. Il club azzurro chiede almeno 30 milioni di base per il cartellino ed è disposto a trattare. Chiusura invece per le eventuali proposte su Lobotka, ritenuto dal presidente De Laurentiis, e anche dal tecnico Garcia, fondamentale nello sviluppo del gioco del Napoli. Al momento il giocatore slovacco e i suoi agenti non hanno dato segnali, ma Al Ahly e Al Nassr (l’ultimo club di Garcia) non hanno problemi di disponibilità economica e dunque non si fermeranno al primo no. Situazione in evoluzione, mentre l’ex azzurro Kalidou Koulibaly sta per firmare con l’Al Hilal con un ingaggio astronomico di 30 milioni di dollari per tre anni.

Precedente Koulibaly all'Al Hilal: è ufficiale. Il messaggio di benvenuto Successivo Inter, ecco Azpilicueta. C'è l'accordo: pronto un biennale