Giroud: “Vicino all’Inter, ma volevo il Milan. Pioli parla col cuore”

“La ciliegina sulla torta”: Olivier Giroud in un’intervista a L’Equipe ha descritto così il suo approdo nel Milan.“In Italia volevo solo i rossoneri, Shevchenko era il mio idolo e ho visto tanti video di Van Basten“. La punta francese ha promosso la sua esperienza in Italia ed esaltato Stefano Pioli: “Mi ricorda René Girard“.

Giroud reagisce cosi ad un passeggero che urla “forza Inter”

Guarda il video

Giroud reagisce cosi ad un passeggero che urla “forza Inter”

Milan, Giroud: “Vicino all’Inter, ma Dio ha fatto le cose per bene…”

Era inevitabile che lasciassi la Premier – ha spiegato la punta ex Chelsea -. Sono stato vicino all’Inter, ma Dio ha fatto le cose per bene: ho dovuto aspettare un po’ ed essere paziente e nel frattempo ho vinto la Champions. Poi ho parlato col mio agente: non mi vedevo né in Spagna né in Germania, tornare in Francia non era la mia priorità e così il Milan è stata la ciliegina sulla torta”.

Giroud: “Una sorpresa lottare per lo scudetto, Pioli che grinta”

Il Diavolo si sta giocando il titolo anche grazie ai suoi gol: “C’era tanto lavoro da fare, non mi aspettavo di giocare per lo scudetto subito, l’obiettivo era qualificarci di nuovo in Champions. Ma siamo il Milan e coi risultati positivi che abbiamo raccolto insieme l’obiettivo in testa è diventato presto lo scudetto“. Giroud ha tessuto le lodi di Stefano Pioli: “Fa lavorare bene la squadra dal punto di vista tattico e sa tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Non potrebbe parlarci in modo più chiaro: quando parla, lo fa col cuore, tutto quello che dice è sincero. Mi ricorda, per la grinta che cercava di trasmettere alla squadra, René Girard al Montpellier“.

Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione

Guarda la gallery

Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione

Precedente "Manchester United, Ten Hag vuole allenare Cristiano Ronaldo" Successivo Vlahovic una maschera di rabbia: ancora una partita a secco, tutta la delusione in panchina

Lascia un commento