Giroud, che succede con i rigori? Ora gli errori iniziano a pesare

Nell’ultimo anno e mezzo il francese ha fallito tre penalty, due in questa stagione contro Borussia e Bologna. E Leao ha chiesto di poter andare sul dischetto

Francesco Pietrella

29 gennaio – 08:21 – MILANO

Ora le sedie sono quattro. Al tavolo degli ipnotizzatori di Giroud si è aggiunto anche Lukas Skorupski, portiere del Bologna, che dopo aver neutralizzato il 9 francese si è aggiunto a un tavolo già occupato da Alex Meret, Gregor Kobel e Joe Murph, il primo a parare un rigore a Olivier. Settembre 2012, Arsenal-Coventry, terzo turno di Coppa di Lega. L’Arsenal vince 6-1, ma l’irlandese dai capelli rossi si toglie lo sfizio di neutralizzare un futuro campione del mondo. La media dal dischetto di Giroud resta invidiabile – quattro errori su 38 tentativi -, ma nell’ultimo anno e mezzo ha sbagliato tre volte. Troppe per uno come lui.

errori

—  

Con il Milan vanta 11 rigori segnati e tre falliti, due in Champions e uno in Serie A. Il primo la stagione scorsa, nei quarti di finale contro il Napoli, gli altri due contro Borussia Dortmund e Bologna. Kobel è riuscito a deviare la traiettoria alla sua destra, mentre Skorupski ha bloccato la sfera sulla sinistra. Giroud non ha dato forza al mancino. Ha calciato uno dei penalty peggiori della sua carriera in un momento decisivo. La nomea di specialista resta, ma ora gli errori iniziano a pesare. Alla lista, tra l’altro, si è aggiunto anche Theo, reo di aver calciato sul palo il secondo penalty concesso da Massa. Il francese è tutt’altro che perfetto: due errori su sei tentativi. Così così. Prima di sabato ne aveva sbagliato un altro a gennaio 2022 contro lo Spezia di Provedel e… Thiago Motta. L’allenatore del Bologna a quei tempi allenava i liguri. Evidentemente non gli porta bene.

e leao?

—  

Pioli ha difeso i suoi leader a fine partita: “Sono ottimi rigoristi, non è stata la loro miglior serata”. Forse le gerarchie potrebbero cambiare già contro il Frosinone. Leao, una volta uscito, ha sussurrato all’allenatore la sua idea: “Mister, il prossimo fallo calciare a me…”. Pioli ha risposto con il più classico dei “vediamo”, soprattutto perché in allenamento commette diversi errori. Lo storico, inoltre, non ha aiuta. Leao ha calciato un solo rigore da professionista… e l’ha sbagliato: marzo 2023, Lussemburgo-Portogallo, poca rincorsa. Anthony Moris, capitano dell’Union Saint Gillois in Belgio, lo racconterà negli anni a venire. Gli unici due centri a referto riportano a partite delle giovanili, una di queste contro l’Italia Under 17 di Scamacca, Bastoni e Gabbia. In porta c’era Giacomo Satalino, oggi alla Reggiana in Serie B. Indizi per le prossime scelte.

Precedente Nel girone B il Perugia vola e Zeman sorride. Nel Girone C la Juve Stabia torna a correre Successivo De Rossi: "Schemi? Contano i duelli. Lukaku devastante, Pellegrini..."